Ferrari F1: Fry sa che non è in un team come gli altri?

Ferrari F1: Fry sa che non è in un team come gli altri?

Formula 1: il capo della Gestione Sportiva Stefano Domenicali commenta le parole di Pat Fry che descrivono una Ferrari F2021 non all'altezza del podio per l'avvio del 2012

da in Ferrari F1, Formula 1 2017, Pat Fry, Stefano Domenicali, Test F1
Ultimo aggiornamento:

    Ferrari F1: Fry sa che non è un team come gli altri?

    Domanda secca: ma il direttore tecnico della Ferrari Pat Fry sa che la scuderia per la quale lavora non è un team come gli altri? Per storia, blasone, attenzione mediatica e numero di tifosi al seguito, la Ferrari è semplicemente obbligata a vincere. Soprattutto dopo una stagione deludente, il riscatto non è un’opzione. E’ un obbligo. Fry, quindi, non può presentarsi dicendo che la F2012 al momento non va. Non funziona così in quel di Maranello. Lo scorso anno Aldo Costa ci ha lasciato le penne. Prima ancora era toccato a nome come Luca Baldisserri, Chris Dyer…

    Ferrari obbligata a vincere

    Personalmente sono contrario a tagliare la testa al primo segnale di errore. A meno che, ovviamente, il personaggio che sta lì non sia stato scelto dall’attuale capo. Proprio il capo della Gestione Sportiva, Stefano Domenicali, interviene sull’argomento:“Non possiamo essere contenti di come sono andate le prove rispetto a quelli che erano i nostri obiettivi ma non dobbiamo nemmeno dimenticarci che il campionato deve ancora iniziare”. Secondo il team principal Ferrari, ci sarà tempo per valutare a pieno il potenziale della F2012:“Questa è soltanto la base di partenza e davanti a noi c’è una stagione lunghissima.

    Sappiamo che ci sono delle aree su cui dobbiamo lavorare tantissimo, sia come affidabilità che come prestazione, ma mi aspetto da tutti voi una grande reazione e la voglia di dimostrare chi siamo.” Belle parole ma pur sempre solo parole. Le solite, commenterà qualcuno.

    328

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ferrari F1Formula 1 2017Pat FryStefano DomenicaliTest F1