Ferrari F1: in Australia vietati i catastrofismi

Ferrari F1: in Australia vietati i catastrofismi

Formula 1: i piloti Ferrari Fernando Alonso e Felipe Massa provano a scaldare l'ambiente ostentando ottimismo

da in Circuito Melbourne F1, Felipe Massa, Fernando Alonso, Ferrari F1, Ferrari F2013, Formula 1 2017, GP Australia F1
Ultimo aggiornamento:

    Ferrari, Australia 2012: Felipe Massa Fernando Alonso

    Divieto di catastrofe: c’è un cartello del genere davanti al box della Scuderia Ferrari di Formula 1. La squadra italiana sta affrontando il week-end del Gran Premio d’Australia 2012 con la pazienza di chi ancora non ha messo del tutto insieme i tasselli del mosaico e con la fiducia di chi è convinto dei propri mezzi. Emblematiche, in tal senso, sono le ultime parole di Fernando Alonso:“Dobbiamo continuare a sviluppare la monoposto. Il nostro progetto è molto innovativo. Non si tratta dell’evoluzione della vettura dello scorso anno, quindi abbiamo bisogno di più tempo, più tempo rispetto alle altre squadre per massimizzare il nostro potenziale”.

    Fernando Alonso: a Melbourne una Ferrari con tutte le migliori soluzioni

    La Ferrari resta un rebus:“Sarà importante montare sulla F2012 tutte le migliori soluzioni provate nei test invernali, situazione che non abbiamo mai verificato nelle nostre giornate di prova”, ha spiegato Fernando Alonso. “Gli ingegneri guardando sempre i dati, i numeri. Forse non abbiamo raggiunto gli obiettivi o i valori che ci attendevamo da questa vettura, ma questo non vuole dire che i dati che attualmente vediamo non siano sufficienti per lottare per il podio. C’è molto potenziale in questa monoposto e la speranza è che venga espresso presto – ha proseguito lo spagnolo – Capiremo quanto saremo competitivi non solo in base a quanto accadrà in queste qualifiche, ma anche in Malesia e in Cina”. Il circuito di Melbourne ha caratteristiche uniche. Non sempre il più veloce qui riesce a confermarsi sui circuiti tradizionali:“Questo tracciato è composto da frenate e accelerazioni, senza curvoni che mettono alla prova l’aerodinamica della monoposto”, ha concluso il due volte iridato.

    Felipe Massa: Ferrari non è tagliata fuori

    Non è stata fortunata la sua prima sessione di prove libere del GP d’Australia, eppure Felipe Massa vede una Ferrari più competitiva di quanto non sia stata descritta fino ad ora:“La speranza è quella di ritrovarci con una vettura in grado di competere con gli avversari fin dalla prima gara.

    Non siamo lontani e abbiamo svolto una simulazione di gara ragionevole. Per vedere realmente dove siamo aspettiamo che tutti abbiano montato gli stessi pneumatici e imbarcato la stessa quantità di benzina”. Il pilota di San Paolo confida nella capacità di analisi dei dati e di sviluppo della fabbrica:“Dopo l’ultima sessione, abbiamo provato al simulatore soluzioni che avevamo precedentemente testato in pista, e questo ha comportato molto lavoro dopo Barcellona per arrivare qui in Australia. Abbiamo capito molte più cose, non grossi passi, ma aspetti che possono essere utili per migliorare la monoposto”. Anche per il brasiliano, quindi, è ancora presto per dare giudizi:“Dopo le qualifiche avremo un’idea più chiara di dove siamo e dopo la gara di domenica avremo un’ulteriore indicazione di come è la nostra monoposto rispetto alle altre”. In ogni caso, Massa non vuole precludersi nessuna opzione in vista della gara:“Dobbiamo essere pronti a lottare per la vittoria, lottare per il podio, combattere per la migliore posizione possibile con questa vettura. Vedremo domenica”.

    609

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Melbourne F1Felipe MassaFernando AlonsoFerrari F1Ferrari F2013Formula 1 2017GP Australia F1
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI