Ferrari F1, Montezemolo replica a Marchionne:”Merito più rispetto”

Formula 1: Montezemolo replica a Marchionne dopo le ultime critiche ricevute per le scelte strategiche che faranno partire in ritardo la Ferrari del 2015

da , il

    Ferrari F1, Montezemolo replica a Marchionne:"Merito più rispetto"

    La delusione di Montezemolo per come si è chiusa la propria avventura da presidente della Ferrari non si placa. Anzi, le ultime dichiarazioni del successore Sergio Marchionne in merito ai problemi della monoposto che affronterà la stagione 2015 come figli di errori strategici fatti da chi c’era prima di lui non hanno fatto altro che acuire la frattura fra i due manager. Chi vive vicino a Montezemolo racconta senza peli sulla lingua quanto sia vero l’amore che nutre per il Cavallino Rampante e giura che nessun altro incarico nel mondo degli affari potrà mai dargli la stessa soddisfazione. Anche per questa ragione, intervistato dall’ANSA, il buon Luca si è concesso un piccolo, tutto sommato elegante, sfogo.

    Non volano ancora coltelli tra i due ex presidenti della Ferrari. Non accade, perché Montezemolo non vuole spingere troppo sull’acceleratore. E’ evidente. Marchionne spara a zero sulla precedente gestione sportiva tirando dentro, ovviamente, anche il boss di allora:“Siamo indietro per scelte fatte da altre persone. Scelte che non condivido e che ora si rivelano un errore che ci fa entrare nella nuova stagione con del ritardo”, ha detto. Il tutto dopo aver, qualche giorno prima, bloccato sul nascere l’ipotesi di un Montezemolo a capo del board della Formula 1:“Non penso che sia giusto che un nome così legato alla Ferrari faccia gli interessi di tutti. E’ una questione di fairplay. Cosa avrebbero avuto da ridire gli altri team?”, è stata la giustificazione pubblica utilizzata.

    Preso atto delle ultime esternazioni di Marchionne, quindi, il nuovo presidente di Alitalia ha lasciato all’ANSA il suo sfogo personale che si caratterizza per toni e atteggiamenti ancora molto pacati:“Ho promesso a me stesso di non fare polemiche visto il profondo amore che nutro per la Ferrari e per il rispetto che merita chi vi lavora oggi e chi vi ha lavorato e vinto sui mercati e sui circuiti di gara. In queste settimane ho assistito però ad esternazioni reiterate, gratuite ed in alcuni casi non rispondenti alla realtà dei fatti. Non intendo raccogliere tali provocazioni. I successi sportivi, superiori a quelli conseguiti da qualunque altra squadra, la forza ed il prestigio raggiunto dal brand nel mondo ed i risultati economico-finanziari che sono stati fondamentali per il Gruppo FCA e che quest’anno saranno i migliori nella storia dell’Azienda, parlano da soli. Confido davvero che il Natale rassereni gli animi e porti a tutti i consigli migliori”.