Ferrari F1, Vettel non fa drammi: “Migliorare in qualifica”

Secondo Vettel la Ferrari ha ancora buone carte da giocarsi contro la Mercedes ma deve trovare un extraboost di motore per rivaleggiare alla pari in qualifica

da , il

    Ferrari F1, Vettel non fa drammi: “Migliorare in qualifica”

    Sebastian Vettel stavolta non fa il muso lungo. La batosta che la Ferrari si è presa nel Gran Premio di Silverstone 2017 di Formula 1 ha i contorni resi ancor più drammatici dalla doppia foratura patita nel finale. Altrimenti, in qualche modo, sia lui che soprattutto Raikkonen sarebbero riusciti a limitare i danni.

    Il tedesco è stato autore di una gara tutta in salita a causa del problema di surriscaldamento dei freni al via che lo ha danneggiato in partenza e lo ha portato dietro a Verstappen sin dalle prime curve. Da lì in poi, la sua gara è stata tutta incentrata sullo sbarazzarsi del più lento olandese della Red Bull con tanto di pit stop anticipato che ha poi condizionato il resto del Gran Premio d’Inghilterra.

    Cosa significa tutto ciò? Per dirla con le parole di Vettel, la Ferrari ha comunque delle buone carte da giocarsi pur sapendo che non sarà fortissima in tutte le piste del calendario di F1. Ma deve migliorare in qualifica per tenere il passo di una Mercedes in grande crescita:“Partire davanti significa stare lontano dai guai e poter fare il proprio ritmo. Loro sono stati più forti di noi soprattutto perché sono migliorati in qualifica”, ha sentenziato dopo la gara di Silverstone.

    Vettel: la Ferrari deve trovare extraboost in qualifica

    Le ultime gare della stagione 2017 di Formula 1 non sono state facili per la Ferrari. La Mercedes è apparsa notevolmente più competitiva tant’è che Hamilton è ormai ad un solo punto di distacco da Vettel anche in classifica mondiale piloti e la compagine tedesca ne vanta 55 in più su quella italiana tra i costruttori.

    “E’ vero che la Mercedes è stata più forte ma soprattutto in qualifica riesce a fare la differenza. Grazie alla loro capacità di potenziare il motore, guadagnano dai 3 ai 6 decimi solo sul rettilineo. Noi stiamo lavorando per fare qualcosa di analogo ma non è che si può fare tutto in una notte”, ha ammesso il quattro volte iridato.

    Vettel:”Ferrari SF70-H ha anche punti di forza”

    A differenza di chi poteva supporre un Vettel polemico e deluso, invece, in questa fase il tedesco della Ferrari si dimostra grande uomo squadra:“Non dobbiamo andare nel panico se loro sono più veloci di noi. Hanno qualche vantaggio e su quello dobbiamo lavorare per far cambiare il quadro della situazione. Non va dimenticato che loro sono imbattuti da tre anni mentre noi abbiamo già compiuto un salto in avanti miracoloso. Su una pista come Silverstone, inoltre, sapevamo che avremmo sofferto ma nel settore misto veloce eravamo più competitivi di loro per cui sappiamo anche di avere dei punti di forza che speriamo di poter sfruttare già nel prossimo Gran Premio d’Ungheria”, ha aggiunto Vettel intervistato da La Repubblica.