Ferrari F10: Alonso non si fida

Fernando Alonso commenta in modo positivo la nuova Ferrari F10 che guiderà nel mondiale 2010 di Formula 1 ma ammettere di non fidarsi della concorrenza che avrà fatto comunque di tutto per metterlo in difficoltà

da , il

    Fernando Alonso si fida. Si fida dei tecnici Ferrari e del grande dispiegamento di forze messo in campo dalla Scuderia vanto Italiano nel mondo. Non si fida, però, del fatto che la Ferrari F10 sarà una spanna sopra la concorrenza. Il pilota due volte iridato sente il peso della responsabilità e continua a scansare facili proclami. Sa che la missione 2010 sarà durissima per lui. Deve vincere da subito. Vincere al primo tentativo lottando contro il proprio compagno di squadra, innanzitutto, ma anche contro una coppia di campioni del mondo come Button e Hamilton e contro il più forte di tutti: Michael Schumacher. Mica semplice!

    FERNANDO ALONSO. Niente pronostici per l’asturiano:“Ci saranno credo due squadre che potranno lottare per il mondiale Piloti e due per il mondiale Costruttori. Speriamo di esserci. Vincere il titolo? Non scommetto niente, per ora è troppo aperto”. Solo duro lavoro all’orizzonte. Lavoro obbligatorio per chi, come lui, deve imparare a conoscere una nuova macchina in pochissime uscite. “Le nuove regole introdurranno qualche cambiamento per lo stile di guida del pilota, che si deve adattare ad ogni situazione, soprattutto durante i primi giri della gara – ha spiegato Alonso - Dopo il primo test avremo un’idea un po’ più precisa”, ha aggiunto anticipando il tormentone delle prossime settimane: chi sarà il più veloce? Impossibile da dire guardando i tempi fatti nei test dato che le differenze di benzina imbarcata saranno determinanti.

    FERRARI F10. Prime impressioni positive sulla nuova vettura. Per Alonso è importante ridurre il periodo di ambientamento sulla macchina e, per quanto riguarda ciò che può essere valutato a motori spenti, l’iberico si dice soddisfatto:“A livello di comfort, mi sembra più o meno uguale rispetto a quella dell’anno scorso, c’è sempre da aggiustare qualcosa nell’abitacolo, sedile, gomiti, pedali che hanno una inclinazione diversa dallo standard, mentre per il volante abbiamo lavorato soprattutto in novembre e dicembre per semplificare un po’ le cose rispetto al passato”. Addirittura ottimo è il giudizio sui tecnici che hanno lavorato al progetto:“In Ferrari abbiamo i migliori tecnici al mondo. Il lavoro che faremo in febbraio mi rende confidente per le prime gare”.