Ferrari F150, Alonso lancia la sfida: “Massima determinazione”

Nel giorno della presentazione della Ferrari F150 2011 dedicata all'unità d'Italia, Alonso è deciso a fare bene nella prossima stagione

da , il

    F150 alonso

    Ap/LaPresse

    La Ferrari F150 è stata appena presentata da Stefano Domenicali, il Presidente Montezemolo e tutte le più alte cariche dirigenziali del gruppo Fiat, che hanno visto anche la presenza dell’amministratore delegato, Sergio Marchionne. All’importante kermesse che ha visto svelare la F150 per il prossimo campionato di Formula 1 erano naturalmente presenti Felipe Massa e Fernando Alonso, che proprio nel 2009 ha sfiorato il titolo iridato nell’ultimo GP della stagione. Quest’ultimo ha dichiarato: “sono motivato, dobbiamo far bene con le nuove regole”.

    Nel giorno della presentazione della Ferrari F150 2011 dedicata all’unità d’Italia, il pilota di punta del Cavallino rampante, Alonso è deciso a fare bene nella prossima stagione dopo aver perso il mondiale all’ultima gara a causa di una strategia di gara improponibile: “l’ambiente Ferrari è unico. Affrontiamo un 2011 pieno di nuove sfide, sarà un anno difficile con cambi sul regolamento ma sono sicuro che con la nostra motivazione alle stelle riusciremo a far bene. Siamo pronti per la sfida con una macchina puiù che competitiva. Adesso conosco molto più i meccanici e il team e mi sento molto più integrato nella squadra. Lo sviluppo fatto nel 2010c è servito a far nascere questa F150. Sono sicuro che mi adatterò subito al meglio a questa macchina”.

    Mentre si svela la nuova monoposto della Ferrari per il 2011, anche Massa si è detto soddisfatto del lavoro del team e della sua voglia di tornare ad essere protagonista: “sono motivato, voglio fare sempre meglio, contento di iniziare le prove e di tornare in pista a gareggiare. Vogliamo far crescere questa vettura il più velocemente possibile. Il tempo passa molto in fretta e i preparativi procederanno spediti per darci la miglior vettura possibile. Avremo una F150 competitiva fin dalla prima gara. La pressione ce l’abbiamo sempre, soprattutto quando si corre per la Ferrari”.