Ferrari: Felipe Massa, test ok ma il collo fa male

Felipe Massa ha effettuato due giorni di test per mettere alla prova il proprio fisico e controllare che il feeling con la Formula 1 fosse ancora quello di prima dell'incidente

da , il

    Vogliamo parlare di piccolo mistero sulle condizioni fisiche di Felipe Massa? Ma no.

    Stupisce, però, registrare che al termine della seconda giornata di test privati al volante di una Ferrari di Formula 1 del 2007, sul sito ufficiale della scuderia italiana si parli di grande successo mentre la Gazzetta dello Sport, non l’ultimo giornale arrivato, riporti dichiarazioni rilasciate dal pilota brasiliano nel quale lamenta dolori al collo e difficoltà nell’affrontare curvoni veloci. Che a Maranello vogliano nascondere qualcosa?

    FERRARI. Stando al comunicato del Cavallino rampante, nei due giorni di test sul circuito del Mugello non si sono registrate anomalie di tipo fisico per Felipe Massa. Il brasiliano, al primo vero test intensivo dopo l’incidente del GP d’Ungheria dell’Agosto scorso, ha percorso una trentina di giri nella giornata di martedì e più del doppio ieri. “Anche se al volante di una vettura completamente diversa da quella dell’anno prossimo, ho avuto un ottimo feeling, che mi fa ben sperare per la prossima stagione – si legge nella nota Ferrari che riporta le parole del pilota – Sono riuscito ad essere subito veloce e nulla sembra cambiato nel mio approccio alla guida rispetto a prima dell’incidente. Voglio ringraziare la Ferrari per questo regalo, che insieme a mio figlio rende meraviglioso il Natale in arrivo”.

    FELIPE MASSA. Meno semplice sarebbe stato il ritorno in pista, invece, secondo la Gazzetta dello Sport che intercetta e riporta altre parole. “Anche se durante questi mesi mi sono allenato tanto, alcuni dei muscoli maggiormente sollecitati dalla guida erano un pò addormentati – avrebbe ammesso Felipe Massa - Ho avuto un po’ di male al collo, soprattutto nei curvoni veloci che qui rendono la pista una delle più difficili. Per il resto mi sono trovato bene, nessuna differenza rispetto a prima dell’incidente”. Sia chiaro: prima di allarmare i tifosi e far supporre che il vicecampione del mondo 2008 non sia abile a disputare la stagione 2010 ce ne vuole. Qui ci vogliamo limitare a registrare l’anomalia. Sicuri che, come accaduto nelle fasi immediatamente successive all’incidente di Budapest, l’ufficio stampa della Ferrari ci terrà aggiornati qualora qualcosa non dovesse andare secondo i piani.