Ferrari in Formula E? Marchionne: “Siamo interessati, magari corriamo con Alfa Romeo o Maserati”

Il Cavallino Rampante potrebbe entrare in Formula E dal 2018/2019. Marchionne si è detto interessato al mondiale elettrico. Alfa Romeo o Maserati potrebbero essere i gruppi impegnati nel campionato, non la Ferrari

da , il

    Ferrari in Formula E? Marchionne: “Siamo interessati, magari corriamo con Alfa Romeo o Maserati”

    La Formula E nel futuro della Ferrari? Probabile. Sergio Marchionne continua a strizzare l’occhio al mondiale elettrico in vista del prossimo futuro. Il presidente del Cavallino Rampante, qualche mese fa, si era detto interessato ad un possibile approdo del gruppo nel campionato full electric. Con l’E-Prix di Roma entrato ufficialmente nel calendario del 2017/2018 – la prima gara nella città Santa si correrà in Aprile del prossimo anno – manca ora un team italiano che possa competere con le altre case. Marchionne, durante l’inaugurazione a Maranello della nuova ala del museo Ferrari, si è sbilanciato dicendo: “Guardiamo con molto interesse alla Formula E. Non so ancora se un giorno entreremo con il marchio Ferrari. Magari sarebbe interessante far gareggiare monoposto Alfa Romeo o Maserati in questa categoria”.

    Ferrari in Formula E? Forse Alfa Romeo o Maserati

    Dopo grandi marchi quali Renault, DS, Audi, Jaguar, Mahindra e BMW, ci sarà spazio anche per la Ferrari in Formula E? Il campionato elettrico sta avendo sempre più successo in giro per il mondo. La competizione piace, le tribune sono sempre gremite e le location da urlo fanno da cornice a gare sempre molto spettacolari e tirate fino all’ultimo giro. Marchionne, che da diverso tempo spinge per un ritorno di Alfa Romeo in F1, avrebbe individuato in Maserati e in quello del Biscione, due possibili gruppi che potrebbero sfruttare la Formula E per rientrare nel motorsport in pianta stabile. Questo “progetto elettrico” sarà eventualmente operativo dal 2018/2019, ossia nella stagione 5 della Formula E, campionato in cui verranno introdotte le batterie potenziate e che permetteranno ai piloti di completare l’intero E-Prix con un’unica monoposto. Marchionne si è poi sbilanciato sui modelli stradali della Ferrari: “Dobbiamo continuare ad investire per mantenere all’avanguardia le nostre vetture. Stiamo studiando un piano anche per aumentare la capacità produttiva a Maranello”.