Ferrari: Jean Todt alleato o nemico?

Jean Todt presidente della FIA

da , il

    Questa se la sono chiesta in molti: Jean Todt alla presidenza della FIA sarà un aiuto o un ostacolo per la Ferrari? Da una parte ci sono gli ottimisti, cioè quelli che ricordano la lunga militanza in rosso. Dall’altra, i pessimisti, descrivono come burrascoso l’addio tra il francese e la scuderia di Maranello.

    FERRARI. Che l’argomento meriti un minuto di approfondimento è la stessa Ferrari a dimostrarlo. Sul sito ufficiale, infatti, viene scomodato nientemeno che il Presidente del Cavallino per chiarire l’arcano: come se n’è andato Todt dalla Ferrari? Sbattendo la porta o salutando caramente? Montezemolo prende la parola per definire infondate le illazioni e sottolineare come la Scuderia sia sempre stata neutrale in una elezione che non la riguardava direttamente. Ciò appurato, non chiarisce a fondo la questione:“Sono molto felice che Todt, una persona che ha fatto lavorato molto bene nei suoi sedici anni a Maranello e a cui sono particolarmente affezionato, sia stato eletto in un ruolo così importante e cruciale per il futuro della Formula 1. Ora – prosegue il numero 1 Ferrari – ci auguriamo che la Federazione sappia rinnovarsi e dare il suo contributo per portare la Formula Uno verso una nuova era, mantenendo comunque inalterati quegli aspetti che l’hanno resa così popolare in tutto il mondo. Sono certo che Todt, con le sue capacità e la sua dedizione, saprà come raggiungere questo obiettivo.”

    JEAN TODT. Secondo la Ferrari, avere Jean Todt come Presidente significa solo trovarsi di fronte una persona capace al posto giusto. Come detto, questo chiarisce poco a lascia aperta la porta sia ai “complottisti” che vedono un uomo Ferrari giunto a capo della FIA e sia agli “anti-Todt” che temono ritorsioni contro Maranello, soprattutto ora che è stato ingaggiato un pilota mal visto dal francese come Fernando Alonso. La speranza è, però, un’altra: è che, come promesso in campagna elettorale, Todt riesca ad istituire un organo autorevole ed indipendente che possa curare la questione Formula 1 mettendo da parte incertezze,polemiche e scandali che hanno caratterizzato l’era Mosley.