Ferrari: Kimi Raikkonen non si tocca

La Ferrari, per bocca del team principal Stefano Domenicali, conferma che Kimi Raikkonen non è in discussione e che il pilota finlandese sarà al volante della monoposto di Maranello anche per tutto il 2010, così come previsto dal contratto

da , il

    Finalmente la Ferrari interviene. Dopo le voci incontrollate dei giorni scorsi che davano ormai per sicuro partente Kimi Raikkonen per fare spazio a Fernando Alonso, esce allo scoperto Stefano Domenicali che assicura: ognuno resta al suo posto fino a tutto il 2010.

    STEFANO DOMENICALI. “Di sicuro tutti si ricordano dell’ultima stagione, quando le voci erano le stesse. Si deve credere a quello che dice il team e ai fatti, non alle voci”. Con queste parole il team principal della Ferrari chiude la porta al tormentone estivo che ha raggiunto picchi massimi di credibilità. Vale a dire il passaggio di Kimi Raikkonen al mondo del Rally a partire dal 2010 ed il conseguente ingresso di Fernando Alonso in Ferrari con un anno d’anticipo.

    KIMI RAIKKONEN. In realtà, lo ricordiamo, Kimi Raikkonen c’andrà davvero nel Rally. Per la precisione quello dei Mille laghi, tappa finlandese del campionato mondiale. Si tratta, però, come ha ribadito il manager del campione mondiale 2007, di puro divertimento. Reso possibile quest’anno più che mai dal blocco dei test e dal maggior tempo libero a disposizione dei piloti tra un weekend di gara e l’altro. Verosimilmente, quindi, Kimi Raikkonen sarà ancora al volante della Rossa per tutto il 2010. Dopodiché potrà pianificare la sua vita come meglio crede. Probabilmente facendo sul serio per qualche stagione nel mondiale Rally, come ha sempre sognato.

    NELSON PIQUET. Per un finlandese che resta, c’è un brasiliano vicinissimo all’addio. Manca ancora l’ufficialità ma trovano riscontro informale le voci che danno Nelson Piquet fuori dalla Formula 1. Il suo posto sarà ricoperto da Romain Grosjean con Lucas di Grassi pronto a subentrare qualora anche il francese non faccia vedere qualcosa di buono. Sembra che nel contratto del figlio d’arte ci fosse una clausola che consentiva al team Renault di liberarsi di lui nel caso in cui, a metà stagione, avesse portato a casa meno del 40% dei punti conquistati da Alonso. Per Nelsinho, la speranza di tornare in F1 sembra passare solo da un eventuale ingaggio in uno dei 3 nuovi team Campos, Manor e US F1 ai quali la sua valigia sarebbe utile. Non poco.