Ferrari, Massa e Raikkonen entrano in politica

La Ferrari mette fa scendere in campo anche Felipe Massa e Kimi Raikkonen

da , il

    La lotta tra la Ferrari e la FIA prosegue anche a colpi di rilanci mediatici. Dopo aver pubblicato e commentato ironicamente i nomi dei nuovi team iscritti al mondiale 2010 di Formula 1 ed aver fatto parlare il superconsulente Michael Schumacher, adesso il team italiano fa esporre pubblicamente anche Felipe Massa e Kimi Raikkonen. Viene da chiedersi, quindi, tutto questo sperpero di energie, potrebbe interferire con il risultato della pista? Non dimentichiamoci che sono attualmente in corso le prove libere, fondamentali per sviluppare una macchina nata in ritardo e imprescindibili per tentare di domare un circuito atipico, assurdo, affascinante come quello di Montecarlo.

    FELIPE MASSA. Il brasiliano, di casa a Montecarlo, raccontato il divertimento nell’arrivare a lavoro a piedi, ha voluto subito esporsi in prima persona nella diatriba tra Ferrari e FIA:“Io supporterò sempre la mia squadra e sinceramente non credo che Ferrari sia sola in questa battaglia. Noi abbiamo preso la leadership sulla vicenda, ma la maggior parte dei team la pensa allo stesso modo. Dal mio punto di vista, io sono un pilota di Formula 1, ma prima di tutto sono un pilota Ferrari e sono molto orgoglioso di questo”. Massa si è poi dichiarato speranzoso per il Gran Premio di Monaco, ricordando la fantastica pole position ottenuta lo scorso anno, vanificata dalle condizioni meteo e dall’entrata della safety car. Tutte cose da mettere sempre in conto nella corsa lotteria per antonomasia.

    KIMI RAIKKONEN. Sul tema politico che tiene sotto scacco la F1 attuale, non si discosta di una virgola il discorso del campione del mondo 2007 da quello del suo compagno di squadra:“Non è assolutamente una buona cosa per la Formula 1 andare avanti con questa questione e per quel che mi riguarda, se la Ferrari non rimarrà in Formula 1 e se le altre grandi squadre prenderanno la stessa decisione, allora non si può più parlare di Formula 1 - ha dichiarato Kimi Raikkonen – sono al 100% con la squadra e qualsiasi cosa decidano di fare, starò al loro fianco. Spero che si possa uscire da questa situazione, ma non sono la persona a cui chiedere maggiori dettagli in merito. Lavoro per la Ferrari e siamo un’unica, grande famiglia: questo è il mio lavoro ed è qui che voglio farlo. La mia personale opinione è che non spariremo dalla Formula 1, ma se lo faremo, ho ancora un contratto con la squadra e sono certo che mi troveranno qualcosa da fare!” Il finlandese ha poi commentato l’attuale fase vissuta dalla scuderia dicendosi fiducioso per il futuro e soddisfatto per i progressi registrati in termini di competitività a Barcellona. Come suo solito, però, non si è voluto sbilanciare in previsioni.