Ferrari: Monaco, no problem!

La Ferrari commenta la giornata di prove libere del Gran Premio di Montecarlo con Felipe Massa e Kimi Raikkonen che hanno complessivamente ottenuto buoni tempi e rassicuranti indicazioni sul fronte dell'affidabilità

da , il

    No, non ci sono state distrazioni. Il trambusto sollevato da Montezemolo al di fuori della pista non sembra aver minato la concentrazione della scuderia Ferrari di Formula 1 che si presenta a Montecarlo in buona forma, confermando nell’anti-circuito per antonomasia, le rassicuranti indicazioni emerse due settimane fa a Barcellona, all’opposto, pista classica per definizione.

    PROVE LIBERE FERRARI. Sono stati 73 i giri complessivamente effettuati da ciascuna delle due F60 di Raikkonen e Massa senza alcun problema tecnico e con confortanti riscontri cronometrici. Il team principal Stefano Domenicali ha fatto notare come le prestazioni delle varie macchine siano molto vicine tra loro, rimarcando l’importanza di azzeccare una buona qualifica per sperare in una gara da protagonisti, anziché una squallida ora e mezza abbondante imbottigliati nel trafffico:“Siamo in una buona condizione di forma. Come sempre le qualifiche saranno determinanti. Dovremo essere bravi a gestirle nella maniera migliore anche sotto il punto di vista del traffico” ha riferito il boss del Cavallino. “E’ sempre importante cominciare il weekend di Monaco senza problemi e siamo quindi contenti di esserci riusciti oggi - ha aggiunto Chris Dyer - Dal punto di vista dell’assetto, entrambi i piloti sono abbastanza soddisfatti del comportamento della F60. La scelta delle gomme in vista della gara e’ qui particolarmente interessante, considerato che i due tipi disponibili sono molto piu’ vicini fra loro rispetto alle altre gare”.

    FELIPE MASSA.“Difficile dire se ci sia stato un miglioramento rispetto a Barcellona pero’ siamo li’ insieme agli altri e questo e’ gia’ un buon segnale - ammette un Massa sereno e soddisfatto – Siamo andati bene sin dall’inizio della giornata, lavorando anche in funzione della gara. In passato non amavo particolarmente questo tracciato – prosegue il brasiliano autore nel 2008 di una fantastica pole position – ma, negli ultimi tempi, la situazione e’ cambiata. Le gomme piu’ morbide sono sicuramente piu’ veloci ma, dopo una decina di giri, si inizia un po’ a perdere il posteriore. Dobbiamo peraltro tener presente che le condizioni della pista cambiano molto da oggi a sabato quindi i risultati odierni vanno presi con le molle.”

    KIMI RAIKKONEN. Anche il finlandese non si lamenta. Raikkonen spiega che il lavoro è stato mirato soprattutto alla valutazione del comportamento delle gomme sia sul giro secco che sulla distanza:“Ci sono ancora un paio di aree su cui possiamo migliorare ma sono soddisfatto di quanto abbiamo fatto oggi – ha spiegato l’omino di ghiaccio – Guidare qui e’ sempre una sfida, anche se poi la gara della domenica puo’ diventare un po’ noiosa: i sorpassi sono praticamente impossibili e se si finisce dietro delle macchine piu’ lente non c’e’ altro da fare che restare ad aspettare il pit-stop”