Ferrari: prendi Hamilton al posto di Massa! E non pensarci più…

Formula 1: non è folle l'idea di Lewis Hamilton in Ferrari a fianco di Alonso come sostituto di Felipe Massa a partire dal 2013

da , il

    alonso-hamilton in ferrari dal 2013?

    Perché se poi vieni a scoprire che Lewis Hamilton e la McLaren stanno incontrando delle difficoltà durante le trattative per il rinnovo del contratto, allora sei legittimato a pensare che tra le cause di questi rallentamenti ci sia un pensiero che distrae. Un pensiero stupendo. E se la Ferrari fosse alla finestra con una bella proposta per mettere il campione del mondo 2008 nuovamente a fianco di Fernando Alonso? Purtroppo la sciagurata stagione 2007 ha insegnato che la convivenza tra i due può essere critica. Ma solo a prima vista. In realtà, spy-story a parte, quell’anno fu il più glorioso della McLaren dai tempi di Senna e Prost! Non solo: li ho notati solo io i segnali di amore che i due campioni si scambiano ad ogni occasione utile? Infine, togliere dalla lista dei rivali un fenomeno come Hamilton, sarebbe già un passo in avanti verso il titolo! Altro che Alonso-Raikkonen… E’ Alonso-Hamilton il vero, unico, dream team possibile!

    Hamilton: problemi per il rinnovo con McLaren

    Il segnale è forte. Lewis Hamilton punta i piedi su dei dettagli del suo contratto e fa slittare la firma del rinnovo. Ciò significa che ha qualcos’altro in mano. Dalla Gran Bretagna sostengono che la trattativa si sia arenata su una banalità. Dovete sapere che la scuderia di Woking ha una prassi: si tiene tutti i trofei che i piloti vincono durante la gare. Questo all’anglocaraibico non sta più bene:“In molte squadre i piloti tengono i loro trofei - ha detto Hamilton - I propri trofei e i propri caschi sono le due cose più preziose. Non mi importa se non mi danno le mie macchine, ma queste due cose sono ciò nelle quali mettiamo sangue e sudore”. C’è di più. Interrogato su un eventuale addio da parte del proprio pilota, il team principal Martin Whitmarsh è apparso stranamente possibilista:“Lui è qui da molto tempo e certe volte può essere interessante provare qualcosa di nuovo anche se, per farlo, bisogna essere coraggiosi”. Lo sarà Lewis?

    Hamilton in Ferrari con Alonso dal 2013?

    L’addio di Lewis Hamilton alla McLaren potrebbe semplicemente, si fa per dire, avere come conseguenza un accasamento in Lotus con inevitabile lasciapassare per Kimi Raikkonen verso Maranello. Ma l’idea di vedere l’anglocaraibico con una tuta rossa non è utopia. Per convincerci di questa opzione, sarà sufficiente smontare tutti i pregiudizi che fino a ieri ci hanno fatto dire “è impossibile”. Non sono tanti. Anzi, a dirla tutta, è uno solo: Fernando Alonso. Non si può ragionevolmente credere che il Padrone del box Ferrari possa accettare l’arrivo nel suo pollaio di quello che resta il suo avversario più ostico e indigesto. Il tempo, però, cambia le cose. In ordine sparso, ecco ad oggi – dal 2012 al 2007 sono passati 5 anni – lo scenario. Lato Ferrari: la scuderia italiana vuole un attacco a due punte in stile inglese; togliere Hamilton alla concorrenza significherebbe avere un rivale in meno e, al tempo stesso, raddoppiare le possibilità di vittoria; Stefano Domenicali è convinto di poter gestire due prime guide senza problemi; il periodo di Massa-Raikkonen ha dimostrato che ciò è possibile con il brasiliano che si è messo al servizio del finlandese a fine 2007 ed il finlandese che ha fatto altrettanto a fine 2008; last but not least, non dimentichiamoci che sulla seconda Ferrari doveva esserci Kubica… pensate che avrebbe dato meno grattacapi di Hamilton? Lato Alonso: con Hamilton adesso scorre buon sangue; lo spagnolo è convinto di essere più forte e sente il bisogno di dimostrarlo al mondo intero; tutti i problemi avuti tra i due sono da attribuire ad un atteggiamento sbagliato da parte della McLaren; la Ferrari non farebbe gli stessi errori così come non li ha fatti più la McLaren quando ha ingaggiato Jenson Button. Stop. Mi fermo qua. Ed aspetto…