Ferrari, test: altra rottura per la F10

Terza settimana di test ancora difficile per la Ferrari che conosce un'altra rottura meccanica e mette in crisi quello che fino a poco fa sembrava il suo punto di forza: l'affidabilità

da , il

    Da indistruttibile a fragile il passo è breve. La Ferrari F10 ha preso il via ad accusare almeno uno stop meccanico al giorno in questa terza settimana di test a Jerez. E meno male che la pista è bagnata e le componenti sono meno stressate. Dal Box del Cavallino, comunque, continuano a non fare drammi. Semmai, si lamentano moltissimo della pioggia che, mista a raffiche di vento, ha reso il lavoro di Felipe Massa ancora più difficile. Oggi arriva Fernando Alonso, già salutato pubblicamente dal presidente della Santander Emilio Botin che ha fatto visita alla squadra.

    TEST FERRARI. Brutto tempo protagonista ancora sul circuito di Jerez de la Frontera. La Ferrari non è riuscita a portare a termine il lavoro previsto neanche nella seconda giornata di test. A complicare i piani, un’altra rottura meccanica. Stavolta di più grave entità dato che ha costretto i meccanici a chiudersi nel box per un paio d’ore filate. Dopodiché Felipe Massa è tornato in pista mentre la squadra si è allenata sulle procedure da tenere nel weekend di gara e in alcune prove di pit stop che, da quest’anno, ritorna senza rifornimento e mette di nuovo la rapidità dei meccanici nel cambio gomme in un ruolo di primissimo piano.

    FELIPE MASSA. 92 giri per il pilota brasiliano della Ferrari non sono pochi. Da qui ad essere soddisfatti, ce ne passa. “Non sono stati due giorni buoni come quelli della scorsa settimana – ha detto Felipe Massa a fine giornata - Sia ieri che oggi la pista è stata praticamente sempre bagnata. Comunque è stato utile poter fare tanti chilometri per l’affidabilità e per sistemare qualche piccolo problema”, ha aggiunto il pilota di San Paolo ricordando che non si può drammatizzare più di tanto la situazione dato che è la stessa per tutte le squadre. “La macchina è ben bilanciata, sia sull’asciutto che sul bagnato”, ha ribadito Massa. Quanto al problema tecnico che lo ha costretto ad una pausa forzata, il ferrarista parla di “Nulla di preoccupante, sappiamo cosa dobbiamo fare per metterlo a posto”. E a chi gli chiede un parere sugli avversari, in testa alla preferenze del numero 7 c’è la Red Bull, seguita da McLaren e Mercedes. Proprio la Red Bull è quella che più sta patendo il clima ostile non avendo girato, a differenza degli altri, nella prima assolata settimana di test di Valencia ad inizio febbraio.