Ferrari: un Massa rinato non preoccuperà Alonso

da , il

    E’ una previsione o un’imposizione? L’ottimo Felipe Massa apprezzato nelle ultimissime gare della stagione 2012 di Formula 1, capace persino di andare più forte di Fernando Alonso in qualifica nonostante lo spagnolo stesse tentando in tutti i modi di superare sé stesso pur di vincere il titolo mondiale nella impari lotta con Sebastian Vettel, potrà dare fastidio nel 2013? No. Sicuramente no. A dirlo (forse a sperarlo) è il team principal Stefano Domenicali che chiede al brasiliano proprio questo: essere talmente veloce da riuscire a stimolare il proprio compagno di squadra.

    Qualcuno crede che un Felipe Massa finalmente competitivo possa creare tensioni ed eccessivi nervosismi a Fernando Alonso. A ben vedere, il rapporto tra i due è diventato ottimo solo dopo un paio di stagioni nelle quali il paulista si è comportato da vero zerbino nei confronti dello spagnolo. Quando nel 2010 le loro prestazioni erano leggermente più livellate, vedi il celebre caso del Gran Premio di Germania con il contestatissimo ordine di scuderia, la convivenza fu molto più burrascosa. La domanda che molti osservatori si pongono è la seguente: un Massa veloce nel 2013 come lo è stato negli ultimi GP del 2012, sarà una risorsa o un problema in più per la Ferrari? La risposta arriva da Stefano Domenicali:“Noi lo consideriamo una risorsa - ha dichiarato al Wrooom di Madonna di Campiglio – se vedi la cosa da una prospettiva diversa, le sue scarse prestazioni della prima metà del campionato ci hanno impedito di massimizzare alcuni punteggi e questa situazione ci ha presentato il conto nella seconda parte della stagione. Il fatto che Fernando e Felipe lavorino bene assieme è un importante punto di forza per la squadra. Poter contare su un Massa che prosegue così come ha finito l’ultimo campionato penso sia un buon modo per avere Fernando motivato. E’ importante spingere in modo costruttivo. Avere questa atmosfera nel team ci permette di poter contare sulla trasparenza nelle relazioni”.

    Il momento buio di Felipe Massa è finito. Questo sostiene Domenicali:“Credo che il suo momento più difficile della carriera sia ormai dietro alle spalle – ha proseguito il team principal della Ferrari – è riuscito a cambiare passo durante l’ultima estate così come noi gli avevamo chiesto. Nella seconda parte dell’anno è stato il pilota che noi volevamo”. Il brasiliano ha ottenuto in extremis il rinnovo del contratto. Ma solo per un anno:“Non è un problema, c’è abituato. Spesso è stato in bilico ma alla fine è ancora qui”, ha concluso il capo della Gestione Sportiva di Maranello. Bene. A seguire, riportiamo un piccolo riepilogo in numeri dei tre anni di convivenza Alonso-Massa in Ferrari.

    Alonso contro Massa: 2010, 2011 e 2012

    Numeri generali:

    Pole position: Alonso: 4 – Massa: 0

    Podi: Alonso: 33 – Massa: 7

    Vittorie: Alonso: 9 – Massa: 0

    Posizone in campionato:

    2010, Alonso: 2° (252 points) – Massa: 6° (144 points)

    2011, Alonso: 4° (257 points) – Massa: 6° (118 points)

    2012, Alonso: 2° (278 points) – Massa: 7° (122 points)

    Posizione media di partenza:

    2010, Alonso: 5.8 – Massa: 7.7

    2011, Alonso: 4.6 – Massa: 5.8

    2012, Alonso: 6.1 – Massa: 9.8

    Confronto tra qualifiche:

    2010, Alonso: 15 – Massa: 4

    2011, Alonso: 15 – Massa: 4

    2012, Alonso: 18 – Massa: 2