GP Turchia: Ferrari, venerdì sul velluto

da , il

    volante Ferrari F248F1

    Facce distese. Problemi zero. Tempi interessanti.

    Si presentà così la Ferrari dopo il primo giorno in Turchia. Decisamente il modo migliore per portare l’ennesimo assalto alla Renault.

    Felipe Massa: “Tutto sommato, una giornata positiva. Abbiamo lavorato molto sulla scelta degli pneumatici in vista della gara. La prima impressione e’ che il bilanciamento della macchina sia buono, il che mi rende ovviamente contento e mi lascia fiducioso sulle nostre possibilita’ di essere competitivi: e’ chiaro che e’ soltanto venerdi’ ma, almeno, ci sono tutte le premesse perché sia cosi’.”

    Michael Schumacher: “L’anno scorso eravamo qui con un pacchetto assolutamente non competitivo mentre oggi la situazione e’ completamente diversa: guidare la 248 F1 su questo tracciato mi fa davvero divertire. Sono piuttosto soddisfatto di come sono andate le cose: il fatto che abbia segnato il mio miglior tempo alla fine della sessione, quindi con gomme usate, e’ certamente un buon segno. E’ chiaro che il caldo sembra giocare un ruolo positivo per noi e per i nostri pneumatici Bridgestone.”

    Ross Brawn: “Abbiamo svolto un lavoro proficuo con entrambi i piloti ed abbiamo un’idea abbastanza chiara riguardo alle gomme. E’ chiaro che bisogna tener conto di come cambieranno le condizioni della pista domenica. Le vetture, equipaggiate con nuovi deviatori diflusso e prese d’aria per i freni posteriori, non hanno avuto problemi e hanno dimostrato di essere ben bilanciate. Possiamo guardare con ragionevole fiducia al prosieguo del fine settimana.”

    Jean Todt: “Pur con tutte le cautele del venerdi’, possiamo dire che il pacchetto vettura-motore-gomme Bridgestone che abbiamo a disposizione sembra essere piuttosto competitivo. Oggi, come consuetudine, abbiamo lavorato sulla scelta degli pneumatici e sulle regolazioni dell’assetto delle vetture. E’ chiaro che siamo perfettamente consapevoli di quanto sia importante l’appuntamento di Istanbul nell’ottica della lotta per i due titoli iridati.”

    Fonte | Ferrari