Ferrari: Vettel e Alonso sono sogni impossibili. Il presente e il futuro si chiama Felipe Massa

Ferrari: Vettel e Alonso sono sogni impossibili

da , il

    Ferrari: Vettel e Alonso sono sogni impossibili. Il presente e il futuro si chiama Felipe Massa

    Tornano di gran moda le voci su un possibile arrivo di Alonso alla Ferrari al posto di Massa già dal 2009. Per di più, echeggiano forte nell’aria i rumors che darebbero per certo l’interessamento del Cavallino per Vettel. Entrambe le correnti di pensiero, però, sbagliano di grosso, semplicemente perché il brasiliano ha un contratto che lo blinda alla squadra fino al 2010

    A scanso di equivoci, a mettere una pietra sopra sul passaggio in Ferrari del pilota della Toro Rosso ci ha pensato direttamente Dietrich Mateschitz, uno che parla poco ma non lo fa mai a caso:“Il fatto che la Ferrari ci fornisca i motori non vuol dire nulla - ha subito precisato il patron della Red Bull – perché noi li paghiamo per averli. In secondo luogo, supportiamo Vettel da molti anni e crediamo in lui per il futuro. E’ un investimento che abbiamo fatto e non pensiamo proprio di privarcene adesso”.

    Se la pista Vettel può, quindi, essere accantonata immediamente, più complessa e affascinante è quella che porta a Fernando Alonso. Dai vertici Ferrari all’ultmo dei tifosi c’è chi lo ama e chi lo odia. Per questo motivo il suo nome viene regolarmente accostato per poi essere violentemente allontanato. E per questo la stampa internazionale non perde occasione per riportare a galla l’argomento.

    Flavio Briatore ha giustamente minimizzato:“Sono solo speculazioni. Io queste voci nemmeno le commento piu`. Ho capito che e` solo una perdita di tempo” A far innervosire il manager della Renault è stato proprio Alonso il quale, senza più Todt, sembra che ci provi gusto a lanciare segnali d’intesa al Cavallino:“Massa ha fatto degli errori e questo ha fatto salire la pressioni su di lui, di conseguenza è normale che poi si faccia anche il mio nome. Io voglio correre per un team competitivo e in questo senso la Ferrari è quello che dà sempre le migliori garanzie. Ho un’opzione sul mio contratto che mi permette di lasciare la squadra nel 2009 se non ci saranno le giuste prestazioni”.

    Quest’ultima frase è un invito a nozze per i giornali in cerca di titoloni da prime pagine. Alonso, però, dovrebbe sapere che sarà un altro, semmai, a lasciargli il posto a Maranello. Fino a tutto il 2009 ci sarà Raikkonen a tentare di sbancare per 3 volte consecutive il titolo mondiale. Poi chissà. Il finlandese potrebbe lasciare aperta la porta ai nomi che sono adesso sulla bocca di tutti. Non sarà Massa, invece, a farsi da parte. Lui ha un contratto che verrà sicuramente rispettato. L’unica cosa che si può chiedergli, semmai, è di mettersi a fare il bravo secondo. Quello sì, con chiunque tra Kimi, Seba, Nico, Roby o Nano gli sieda accanto da qui al 2010 almeno.