Ferrari Virtual Academy: tutti i segreti del simulatore di Maranello

Ferrari Virtual Academy: tutti i segreti del simulatore di Formula 1 che riproduce la Ferrari F10 che è scesa in pista nella stagione 2010 con Fernando Alonso e Felipe Massa

da , il

    Si è chiusa la prima edizione della Ferrari Virtual Academy. Grazie al simulatore di Formula 1 che riproduce fedelmente la Ferrari F10 di Fernando Alonso e Felipe Massa, tutti i tifosi della Rossa di Maranello e gli appassionati di prototipi in generale, hanno potuto conoscere i segreti del pilotare un mezzo così sofisticato. Non solo, tutti coloro i quali hanno effettuato il download sul sito ufficiale Ferrari (ad un prezzo decisamente abbordabile) si sono automaticamente sfidati per trasformare le loro doti virtuali in uno stage presso la Ferrari Driver Academy! Quella reale.

    Ferrari Virtual Academy

    La data che ha cambiato la storia dei simulatori di F1 è il 9 settembre 2010, vale a dire da quando sul sito ufficiale Ferrari è stato messo in download, alla modica cifra di 14,99 Euro, un software che riproduce fedelmente la vettura di Alonso e Massa, dando la possibilità di sfidare i tanti aspiranti piloti sparsi per il mondo a chi segnerà il giro più veloce. In palio vari premi settimanali, più uno stage presso la Ferrari Driver Academy, la scuola per giovani piloti di Formula 1, per i cinque più veloci in assoluto. Dopo il pacchetto comprendente F10 + circuito di Fiorano, sono usciti due fondamentali aggiornamenti: il pack con il circuito del Mugello ed il pack con il Nurburgring. La somma dei migliori tempi sui tre tracciati ha determinato 5 fortunatissimi/bravissimi piloti virtuali, due provenienti dall’Italia e tre dal resto del mondo, che il prossimo marzo trasformeranno le loro sensazioni “simulate” in emozioni reali.

    Simulatore Ferrari F1

    La Ferrari Virtual Academy si basa sullo stesso software utilizzato da Alonso e Massa nel simulatore di F1 presente all’interno della fabbrica di Maranello. Lì, l’elemento in più è la visione 3D e la capacità di riprodurre anche a livello fisico le sollecitazioni delle monoposto. Non la fisica del “gioco”. Il simulatore della Ferrari Virtual Academy riproduce con scrupolo maniacale tutti i comandi e le funzioni della F10 oltre alle caratteristiche dei tre circuiti di Fiorano, Mugello e Nurburgring grazie a tecnologie come la Laser Scan e la Motion Capture. Che si tratti di una cosa seria lo dimostra la volontà della Ferrari di non mettere i concorrenti in competizione diretta tra loro come avviene in tanti giochi di simulazione anche ben fatti. Nella Ferrari Virtual Academy la sfida è con il cronometro. In tal senso, sono stati messi a disposizione degli utenti dei consiglieri d’eccezione come il responsabile del progetto Ferrari Driver Academy Luca Baldisserri (ex direttore sportivo) ed il terzo pilota della Scuderia Giancarlo Fisichella con i quali imparare trucchi del mestiere, segreti di guida, tecniche di messa a punto e valutazione dei dati telemetrici.

    Ferrari F10

    E’ impossibile trovare in altri giochi di F1 una riproduzione così fedele di una monoposto. Il motivo è semplice: il modello utilizzato nella Ferrari Virtual Academy parte direttamente dal progetto CAD originale. Ogni dettaglio, quindi, è perfettamente conforme all’originale tanto che si parli di meccanica, di aerodinamica o di struttura del cockpit, del volante e delle sue funzioni. Una sfida particolarmente interessante per chi ha sviluppato questa accademia virtuale sono state le visuali di guida. Il punto sta nel riprodurre bene non solo l’abitacolo ma anche nel dare al pilota la corretta prospettiva: per questo motivo gli sviluppatore si sono avvalsi della consulenza di Massa e Alonso al fine di determinare il corretto angolo visivo, la giusta altezza e profondità. Degna di nota è anche l’opzione “helmet cam”, già vista in alcune prove invernali della Ferrari, consente di sentirsi a bordo della vettura apprezzando vibrazioni, movimenti della testa, sollecitazioni aerodinamiche e delle forze G in frenata, accelerazione, curva.

    Simulazione di guida

    felipe massa f10 virtual academy

    Come detto, questo simulatore di Formula 1 viene utilizzato in primis dai piloti Ferrari per allenarsi durante la stagione quando i test reali sono vietati. Il livello di accuratezza, quindi, è ai massimi storici. La sfida dei tecnici che hanno lavorato al progetto Ferrari Virtual Academy era trasformare quel mostro di dati e calcoli matematici in qualcosa che potesse funzionare anche nei normali PC di casa. La strada seguita è stata quella di partire dall’analisi dei dati ufficiali della vettura per riprodurre i comportamenti di aerodinamica, pneumatici, sospensioni, trasmissione, etc. Il secondo passo ha visto un confronto puntuale tra i dati telemetrici della vera F10 con quelli della versione virtuale. Infine, è arrivato il tocco magico dei piloti che con la loro sensibilità ed esperienza hanno affrontato vari aspetti tra cui il modo in cui la vettura rispondeva ai cambiamenti di assetto.

    Download Ferrari Driver Academy e consigli

    box alonso ferrari f10 fiorano

    Se volete provare il simulatore Ferrari, fate attenzione alle caratteristiche del vostro personal computer. Il sistema deve essere all’altezza della situazione, vale a dire deve avere un processore 1.8 GHz o superiore (se il sistema operativo è windows XP), 2.4 Ghz o superiore (se si usa Vista o Windows 7), un memoria di 2GB e soprattutto uno scheda video Geforce 6800 GT o superiore o ATI 9800 PRO o superiore. Fortemente consigliato l’uso del volante con pedaliera per godersi al massimo il realismo fornito. Fortemente sconsigliato il download illegale. Su torrent o altri strumenti simili si trovano dei pacchetti ma sono fuori dal gioco, è proprio il caso di dirlo, in quanto una volta completata l’installazione chiedono di inserire il proprio codice personale, in dotazione solo a chi ha effettuato l’acquisto della versione originale. Molto più semplice è andare sul sito ufficiale Ferrari e comprare il pacchetto completo al costo di 25 Euro. Con meno soldi si possono avere la simulazione della Ferrari F10 e qualche circuito in meno. Aspettando alcune offerte promozionali che Maranello spara di tanto in tanto, si risparmia qualche altro spicciolo.

    Per approfondire l’argomento simulatori di F1 e giochi ecco alcuni articoli utili:

    Felipe Massa: è r-Factor il simulatore

    Ferrari: scatta il piano per il 2010

    Gioco Formula 1: tante alternative

    Alain Prost svela il segreto di Hamilton

    F1, primo Ferrari Pit Stop inaugurato a Nola

    Ferrari Driver Academy per diventare piloti di F1