FIA e FOTA: Max Mosley non si smuove

L'incontro tra FIA e FOTA si è concluso con un nulla di fatto

da , il

    FIA e FOTA: Max Mosley non si smuove

    Si è concluso con un nulla di fatto l’attesissimo incontro tra Max Mosley e la FOTA. Il Presidente della FIA non s è mosso di un centimetro sulla sua idea di introdurre il “budget cap”. In tutta risposta, la Ferrari ha deciso di portarlo in tribunale. Che storia questa F1! Quasi meglio della battaglia in pista…

    MOSLEY SICURO. Il presidente della FIA ha delle granitiche certezze. Innanzitutto ritiene che nessuno debba interferire sull’operato della Federazione. In secondo luogo detesta che qualcuno provi a metter becco sulla questione regolamentare andando avanti a suon di minacce. Infine, si dice sicuro che la Ferrari non lascerà mai la categoria. Poi saluta tutti ostentando serenità.

    FERRARI IN TRIBUNALE. Di fronte all’impotenza della ragione, la Ferrari – anziché mollare – ha pensato bene di percorrere tutte le strade possibili finendo per citare persino il ricorso in tribunale. Dalla parte del team di Maranello ci sarebbe una clausola del contratto che la lega alla FIA nel quale è le viene dato diritto di veto in tema di nuovi regolamenti. Su questo fronte sono attese novità a brevissimo.

    NIENTE ISCRIZIONE. Ad oggi, la Formula 1 dovrà fare a meno sicuramente di Toyota, Red Bull, Renault e Ferrari. Gli altri, chissà. Il termine per le iscrizioni scade il 29 maggio ma vista la difficile situazione potrebbe essere prorogato nell’interesse di ambo le parti. Sul fronte dei nuovi nomi prendono sempre più corpo gli ingressi di LOLA e USGPE, ma a fronte delle tematiche di cui sopra, la loro presenza o meno non è in grado di scaturire il benché minimo interesse.

    Foto: www.corrieredellosport.it