FIA, Vettel: nessuna sanzione per gli insulti a Karthikeyan

FIA, Vettel: nessuna sanzione per gli insulti a Karthikeyan

Formula 1: la FIA non è intenzionata a sanzionare Vettel per aver insultato e mostrato il dito medio a Karthikeyan nel corso del GP di Malesia

da in Fia, Formula 1 2017, GP Malesia F1, Mark Webber, Narain Karthikeyan, Red Bull F1, Sebastian Vettel
Ultimo aggiornamento:

    vettel dito medio karthikeyan malesia f1

    Sebastian Vettel ha più volte mostrato il dito medio a Narain Karthikeyan dopo la foratura rimediata nel contatto con il pilota della HRT nel corso del Gran Premio di Malesia di Formula 1 2012. Nelle interviste post-gara, inoltre, l’ha definito senza mezzi termini “idiota”. La stampa tedesca aveva ammesso di temere per il proprio idolo un sanzione da parte della FIA a causa del comportamento antisportivo tenuto nell’occasione. In realtà, la Federazione Internazionale dell’Automobile presieduta da Jean Todt non sembra affatto coinvolta nella vicenda. “Questioni del genere devono essere gestite dai commissari presenti al Gran Premio. Non mi risulta che la Federazione stia portando avanti altre azioni”, ha riferito un portavoce FIA.

    Vettel vs. Karthikeyan

    L’allarme del dito medio pare rientrato per Sebastian Vettel.

    Il pilota Red Bull poteva rischiare grosso: da una semplice ammonizione fino alla sospensione della superlicenza di guida, documento necessario per essere pilota di Formula 1. Intervistato sull’argomento, Narain Karthikeyan lancia un interrogativo destinato a restare irrisolto. Cosa sarebbe accaduto se nell’occhio del ciclone fosse finito un pilota con meno supporto alle spalle? La risposta sembra darla il trattamento riservato proprio al driver indiano nel momento in cui i commissari di gara gli hanno inflitto 20 secondi di penalità:“Non erano interessati a quello che avevo da dire… prima di me avevano già parlato con Vettel”. A proposito del bi-campione del mondo, Karthikeyan ha aggiunto:“E’ vergognoso che un campione del mondo dica frasi del genere contro di me. Non può comportarsi come un bambino che fa i capricci e sfogare su di me la frustrazione per una stagione cominciata male”.

    Red Bull migliore per un Vettel migliore

    Se non arriva in pista una Red Bull migliore, Sebastian Vettel rischia davvero di perdere il sorriso che ha contraddistinto la sua cavalcata vincente del 2011. Insomma, rischia di trasformarsi in un secondo Mark Webber! “Sono abbastanza soddisfatto di come ho iniziato la stagione - ha dichiarato l’australiano che ha ottenuto due consolatori quarti posti – non siamo abbastanza veloci ma è presto per dare giudizi”. Secondo Webber, la Red Bull RB8 ha enormi margini di miglioramento e quella vista in pista fino ad ora non è riuscita, per varie ragioni, ad esprimere tutto il proprio potenziale:“In Malesia potevamo fare meglio ma non siamo riusciti. In queste settimane lavoreremo per arrivare in Cina e Bahrain ancora più forti”.

    479

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FiaFormula 1 2017GP Malesia F1Mark WebberNarain KarthikeyanRed Bull F1Sebastian Vettel
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI