Flavio Briatore cacciato dalla Renault

Flavio Briatore lascia la Renault

da , il

    Detto fatto. Flavio Briatore è stato cacciato dalla Renault. Assieme a lui deve fare le valigie anche Pat Symonds, l’altro accusato dalle rivelazioni di Nelson Piquet.

    RENAULT. La Renault ha annunciato il divorzio dal proprio team manager. A seguito dello scandalo partito con le rivelazioni di Nelson Piquet in merito all’incidente del GP di Singapore, la squadra francese ha pensato bene di salvare immagine e permanenza in Formula 1 tagliano le teste più grosse. Quella di Flavio Briatore, appunto, e quella del capo degli ingegneri Pat Symonds. Seguendo l’esempio McLaren che ha allontanato Ron Dennis ed il direttore sportivo, la Renault spera di ottenere clemenza nell’udienza del prossimo 23 settembre. Questa mossa, in sostanza, prelude ad una ammissione di colpa da parte della scuderia. E conferma indirettamente che le accuse di Nelson Piquet, benché paiano ai più assurde, abbiano non solo fondamenti di verità, ma siano addirittura dimostrabili.

    FLAVIO BRIATORE. La posizione del manager italiano si è andata aggravando ora dopo ora. Quella che inizialmente sembrava una semplice ripicca di Nelsinho Piquet, scaricato dallo stesso Briatore per far posto a Romain Grosejan, è diventata nel giro di pochi giorni una vera e propria morsa letale che ha messo sempre più alle strette il team manager Renault ed il suo fido alleato Pat Symonds. Come abbiamo già avuto modo di analizzare, in molti sostengono che Symonds sia solo un agnello sacrificale messo sull’altare della vendetta da Max Mosley. Non a caso, il tecnico inglese avrebbe ricevuto garanzie di immunità da parte della Federazione qualora contribuisca a fare luce sulla vicenda. Senza la confessione di uno dei due accusati, infatti, sembra che non ci siano prove sufficienti per rovinare la carriera a nessuno. Nelson Piquet a parte che, tra scarsi risultati in pista e gossip imbarazzanti sui propri orientamenti sessuali, difficilmente tornerà mai a fare il pilota di Formula 1.