Flavio Briatore radiato a vita

Flavio Briatore radiato a vita dalla Formula 1

da , il

    Altro che linea morbida, è una bomba atomica quella che è esplosa pochi minuti fa nel centro di Parigi. Il Consiglio Mondiale della FIA ha infatti deciso, in merito ai fatti del GP di Singapore 2008, di sospendere a vita Flavio Briatore e di squalificare per due anni il team Renault.

    SENTENZA FIA. Dopo un’attesa di un paio d’ore dal termine delle convocazioni di vari personaggi tra cui Fernando Alonso, Bernie Ecclestone e Nelson Piquet Jr, il Consiglio Mondiale ha deciso: Flavio Briatore è sospeso a tempo indeterminato dalle competizioni e la Renault è fuori per 2 anni. Nessuna pena per Nelson Piquet Jr. che ha potuto godere dell’immunità di pentito. Niente anche per Fernando Alonso che ha collaborato mostrandosi non coinvolto. 5 anni, invece, per il capo degli ingegneri Pat Symonds.

    FLAVIO BRIATORE. Il manager della Renault chiude così la sua avventura in Formula 1. Tanti mondiali vinti e quasi 20 anni da protagonista non gli sono bastati. Pochi erano i dubbi, soprattutto tra coloro che credevano si trattasse di una vendetta alla Max Mosley. Ad aggravare la posizione dell’italiano c’è stato il continuo negare nonostante le evidenze. Quello che stupisce, però, è l’allontanamento della Renault fino al 2011. In passato si era visto che, una volta fatto fuori il responsabile, la scuderia si era sempre salvata. Emblematico il caso della McLaren nella spy-story. Solo un passaggio del documento FIA lascia aperta la porta della speranza per il team francese. Vale a dire quando recita che “la squalifica sarà attivata solo se, nel corso di questo periodo, sarà trovata colpevole”. Un controsenso, dato che la colpevolezza è già presente. Ma quanto basta per lasciarla correre ancora.