Flavio Briatore scatenato contro la FIA

Flavio Briatore porta la FIA in tribunale

da , il

    E’ iniziata ieri a Parigi la rivincita di Flavio Briatore nei confronti della FIA. Il manager piemontese, squalificato a vita dalla Formula 1 per i fatti del GP di Singapore 2008 chiede l’annullamento della sentenza ed un milione di Euro di risarcimento per danni morali. Il 5 Gennaio arriverà il verdetto.

    FLAVIO BRIATORE. L’ex responsabile del team Renault di Formula 1 è stato condannato dalla FIA per aver obbligato il proprio pilota, Nelson Piquet Jr., a schiantarsi contro un muro del GP di Singapore 2008 pur di favorire, tramite l’ingresso della safety car, la vittoria di Fernando Alonso. Implicato nella vicenda è finito anche Pat Symonds. I due non solo hanno sempre negato le accuse ma si sono trovati condannati dal tribunale sportivo senza alcune reale prove se non delle dichiarazioni “confuse” di un certo “Mister X”. Raccolte le carte e fatto il punto della situazione con i propri avvocati, Flavio Briatore ha deciso di passare al contrattacco presso il Tribunale di Grande Instance di Parigi.

    SENTENZA. Sarà il 5 Gennaio il gran giorno di Flavio Briatore. Rappresentato dal suo legale Philippe Ouakrat, il geometra di Cuneo ha cercato di far leva su irregolarità di procedura e di analisi dei fatti come, ad esempio, l’avergli tenuto nascosto alcuni atti del processo o l’aver taciuto sulla presenza di un testimone misterioso, “Mister X”, appunto. “Quello andato in scena davanti al Consiglio mondiale è stato un regolamento di conti”, ha dichiarato Ouakrat senza mezzi termini.

    FIA. La FIA si difende sottolineando come il processo sia stato fatto contro la Renault e non contro Briatore. L’incongruenza però resta in quanto la Federazione ha tenuto il doppio ruolo di accusatore e giudice. In molti credono che, davanti ad un organo di giustizia imparziale, Briatore possa uscirne pulito. Indipendentemente dall’analizzare le proprie responsabilità, infatti, Don Flavio punta tutto sulle pecche della FIA. Non poche e sotto gli occhi di tutti. “Chiediamo alla FIA che venga proibito di confermare la decisione e chiediamo un indennizzo per il morale, che viene valutato in un milione di euro”, ha spiegato l’avvocato Ouakrat apparso ben sicuro del fatto suo e in vena d’ironia:”Nelson Piquet jr ha senza dubbio voluto attirare l’attenzione”.