Formula 1 2008: i caschi dei piloti

fotogallery con i caschi dei piloti di formula 1 2008

da , il

    Qual è il tuo casco preferito tra quelli dei piloti del mondiale di F1 2008? La scelta non è facile perché tra innovazione e tradizione, classico e moderno, sacro e profano ce n’è veramente per tutti i gusti.

    Come non apprezzare, ad esempio, gente come Rubens Barrichello che da ormai oltre 250 Gran Premi sfoggia sempre il solito bianco e arancio, Jenson Button, tanto per restare in tema Honda, che ad oggi non ha mai rinunciato alle proprie iniziali che formano la bandiera della Gran Bretagna e David Coulthard con la sua inconfondibile croce di Sant’Andrea.

    Alcuni come Giancarlo Fisichella o Nico Rosberg puntano al rinnovamento ma restando sempre nella tradizione mentre altri vanno verso il restyling più corposo: è il caso di Jarno Trulli che ha sposato il cromato in tutto e per tutto.

    Ancora più estreme, invece, sono state le scelte di Kimi Raikkonen, Nick Heidfeld e Fernando Alonso che negli ultimi anni hanno decisamente voltato pagina trovando tinte che si adattasero al meglio alle livree delle loro macchine. Con l’arrivo alla Ferrari, Kimi Raikkonen è passato dall’argento al rosso e nero, così come Fernando Alonso, dopo aver sperimentato nel 2007 il grigio, ha deciso di indossare nel 2008 il giallo e azzurro delle Asturie.

    Chiudiamo, infine, con il genere di caschi forse più curioso: quello della citazione storica voluta da Anthony Davidson in onore di Eddie Cheever e da Nico Rosberg nei confronti del padre. Alcuni fans sfegatati della McLaren e di Ayrton Senna vorrebbero che anche il giallo di Lewis Hamilton fosse un tributo al pilota brasiliano scomparso prematuramente ma, invece, quel colore è solo frutto di una casualità: fu voluto dal padre di Hamilton perché, essendo la tinta meno comune tra i kartisti frequentati dal figlio, poteva essere più facilmente riconosciuto durante le gare.

    Restano in tema, ricordiamo che nel recente passato un altro cultore del genere è stato Jean Alesi con il casco ispirato a quello di Elio de Angelis. Oggi, un tentativo più timido e forse casuale si trova anche nell’elmetto di Timo Glock che è un mix tra le due generazioni utilizzate da Michael Schumacher nella sua lunga carriera.