Formula 1 2009: la stagione in 7 temi

KERS, limitazioni aerodinamiche, gomme slick, sorpassi più facili, vetture brutte e fragili, crisi finanziaria, nuovi talenti

da , il

    Siamo sicuri che il KERS darà un vantaggio a chi lo adopera? Queste strane vetture di F1 ci sembreranno d’un tratto bellissime non appena vedremo crescere il numero dei sorpassi in gara? Quali sono i team che rischiano di più per colpa della recessione economica? Ci saranno debuttanti di talento nel 2009? Sono questi alcuni dei temi dominanti della prossima stagione di F1.

    KERS, VANTAGGIO O SVANTAGGIO? Honda, Williams e BMW sono quelli più avanti. Questi 3 team sperano di compiere un salto di qualità presentandosi a Melbourne con un sistema KERS già perfettamente rodato e funzionante. Altri, come McLaren e Ferrari, sono indietro. Quest’ultimi potrebbero persino non metterlo in pista. L’idea è quella di sfruttare la leggerezza delle loro monoposto, data dall’assenza dell’ingombrante sistema di recupero dell’energia, per supplire alla mancanza di potenza supplementare. Chi avrà ragione?

    VETTURE BRUTTE, STRANE. RIDICOLE? Ali anteriori larghe quanto tutta la vetture e ali posteriori strette ed alte. Ci vorrà un po’ per abituare il nostro occhio. L’impressione è che, se si riuscirà effettivamente a risolvere il problema dei sorpassi e non si vedranno troppi pezzi di carbonio volare in aria al minimo contatto, queste macchine diventeranno subito bellissime. La speranza, semmai, è che un’ala così sporgente e fragile non induca i piloti ad usare troppa prudenza.

    SORPASSI, IL RITORNO? Non solo aerodinamica meno sofisticata. Ci saranno ali mobili e, per chi userà il KERS, un surplus di 80 cavalli nel motore. La partita, ad ogni modo, si gioca tutta nell’effetto scia. Le stagioni passate, infatti, dimostrano che non basta avere anche 2 secondi al giro di vantaggio su chi precede se poi il disturbo aerodinamico impedisce di avvicinarsi senza perdere il controllo. Ad oggi, basandosi solo su quel poco visto nei test è difficile sbilanciarsi. Ed anche tra i piloti le opinioni non sono ottimistiche al 100%.

    LIVREE, QUALCOSA DI NUOVO SOTTO AL SOLE? Il 2009 potrebbe essere l’occasione per vedere in pista qualcosa di nuovo anche dal punto di vista delle colorazioni. Prendiamo alcuni candidati:Toyota, Renault, Toro Rosso, Force India e Honda. Per i primi, i giapponesi con sede a Colonia, potrebbe essere arrivato il momento di introdurre qualcosa di meno banale. La Renault, già detentrice del trofeo livrea più brutta per il secondo anno consecutivo, ha una buona occasione per rifarsi. La Toro Rosso, tornata interamente Red Bull, vorrà fare qualcosa di nuovo? Analogamente la Force India, passata in zona Mercedes, finirà per aggiungere qualche finitura argentea all sua livrea dorata? La candidata numero 1 al restyling è, comunque, la Honda. Dopo la rivoluzionaria idea del 2007 ed il banalissimo ripiego del 2008, nel 2009 si vedrà ancora il mappamondo? Ed in che proporzioni?

    RECESSIONE, I SOLDI CI SONO ANCORA? Gli effetti della crisi finanziaria ricadranno anche sulla Formula 1? Vi sono alcuni team sponsorizzati da banche che potranno trovarsi alle strette, se non adesso, tra qualche mese. Il primo nome della lista è quello della Williams sponsorizzata RBS. La banca è salva grazie al supporto del governo ma, vista la bufera, potrebbe rivedere i suoi accordi con il team di Grove. Stesso discorso per ING e Renault.

    DEBUTTANTI, TALENTI SPARITI? Il cambio generazionale in Formula 1 è pressoché concluso. Ne è la prova il fatto che nel 2009 i debuttanti saranno ancora meno dell’anno precedente. Si parla di Buemi alla Toro Rosso e Senna o Di Grassi alla Honda. Per il resto, tutti confermati.

    COMPAGNI DI SQUADRA, MAGGIORI DIFFERENZE? Si è sempre detto, nell’epoca della F1 tutta elettronica, che un pilota aveva un ridotto margine per fare la differenza rispetto al compagno di squadra e che molto dipendeva dal mezzo a propria disposizione. La nuova Formula 1, però, sta andando in direzione contraria. Il pilota potrà metterci sempre più del suo ed i valori in campo potrebbero emergere in modo più evidente proprio da questo 2009. Se sembra scontata la supremazia di Hamilton su Kovalainen o di Alonso su Piquet, sarà interessantissimo vedere come finirà il duello Massa vs. Raikkonen e Heidfeld vs. Kubica. Per queste due coppie, infatti, dopo il ribaltamento di valori avvenuto tra il 2007 ed il 2008, siamo di fronte ad uno spareggio il cui esito, tanto in positivo quanto in negativo, potrebbe bollare per sempre una carriera.