Formula 1 2010: il ballo dei sedili

F1 2010 in grande fermento sul fronte del mercato piloti dove l'arrivo di Alonso alla Ferrari ha dato il via ad un vero e proprio balletto di nomi

da , il

    L’annuncio dell’arrivo di Fernando Alonso alla Ferrari a partire dal 2010 ha movimentato il mercato piloti facendo partire un vero e proprio balletto di sedili. Proviamo a fare il punto della situazione.

    MCLAREN: Con Hamilton intoccabile, Heikki Kovalainen è dato come sicuro partente per rendere realtà il ritorno di Kimi Raikkonen a Woking, che sarebbe accolto a braccia aperte dal team.

    RENAULT: Con l’annuncio ufficiale di Robert Kubica come sostituto di Alonso e prima guida ufficiale del team, la seconda guida, per il momento, resta un mistero: le prestazioni di Romain Grosjean finora non sono state esaltanti, quasi paragonabili a quelle del suo predecessore Nelsinho Piquet, ma c’è da considerare che lo svizzero con passaporto francese ha esordito da poco in Formula 1, quindi, dovendo ancora imparare i segreti della monoposto, è auspicabile che il team gli dia ancora fiducia. In alternativa si pensa ad un ritorno di Kovalainen od addirittura a quello più clamoroso di Jarno Trulli.

    BRAWN GP: Confermato senza ombra di dubbio il quasi campione del mondo, Jenson Button, resta incerta la posizione di Rubens Barrichello: nonostante sia stato protagonista di un ottimo 2009, la Mercedes, casa fornitrice dei propulsori, vorrebbe un pilota tedesco al volante della seconda monoposto, ed nome più gettonato è quello di Nico Rosberg.

    WILLIAMS: Si vocifera di un probabile scambio tra Nico Rosberg e Rubens Barrichello con la BrawnGP, con il pilota brasiliano che andrebbe, a questo punto, a chiudere la propria carriera con il team di Grove. Nulla è ancora certo, comunque. Per il secondo pilota, invece, è già stato ufficializzato l’ingaggio del Campione GP2 2009, il tedesco Nico Hulkenberg, al posto di Kazuki Nakajima.

    TOYOTA: Innanzitutto c’è da sottolineare che il team non è certo di avere il budget necessario per continuare la propria avventura nella massima formula: sul fronte piloti, la situazione di Jarno Trulli è ancora un punto interrogativo, con Heikki Kovalainen che si è offerto al team pur di non rimanere a piedi. Timo Glock, protagonista del terribile incidente nelle qualifiche di Suzuka, sembra avere la riconferma leggermente più sicura rispetto all’italiano.

    FORCE INDIA: Con Adrian Sutil sicuro della riconferma, resta da decidere quale sarà il destino di Vitantonio Liuzzi: il pilota di Locorotondo, subentrato a Giancarlo Fisichella dopo il passaggio di quest’ultimo alla Ferrari, ha ancora un anno di contratto con il team, ma ci sono diversi piloti della GP2 pronti a soffiargli il posto, in particolare l’indiano Karun Chandhock, fortemente voluto da Vijay Mallya per la sua nazionalità indiana, in modo da fare un’accoppiata team indiano-pilota indiano.

    SAUBER: C’è ancora da raggiungere l’unanimità dei consensi per il 14° team in Formula 1, comunque la Sauber, che prenderà il posto della BMW e tornerà a montare i propulsori Ferrari, pensa a due ritorni: Nick Heidfeld, che al momento è a piedi, e Giancarlo Fisichella, che verrebbe preso in prestito dalla Ferrari. Staremo a vedere.

    ALTRI TEAM: I team esordienti USF1, Manor, Lotus e Campos non hanno ancora annunciato quali saranno i propri piloti. Ci sono comunque diversi nomi che circolano, tra questi quelli di Bruno Senna, Scott Speed, Vitaly Petrov, Andreas Zuber, Giorgio Pantano, Marco Andretti e addirittura, quello che sarebbe un gradito ritorno, dell’iridato 1997 Jacques Villeneuve.