Formula 1 2010: sgambetto FIA alla FOTA

La guerra tra FIA e FOTA per la Formula 1 2010 non è ancora finita

da , il

    Clamoroso al Nurburgring. La guerra tra FIA e FOTA che sembrava ormai finita, fa registrare un altro spiacevole episodio. Durante un incontro tecnico con Charlie Whiting, i team hanno appreso che le loro richieste per il 2010 non sono state accettate. Immediato l’abbandono della riunione.

    FORMULA 1 2010. Il delegato tecnico della FIA Charlie Whiting ha comunicato, andando contro a quanto stabilito dal Consiglio Mondiale, che le squadre della FOTA non risultano ancora inserite nel mondiale 2010 e che non hanno diritto di voto sui nuovi regolamenti. Apriti cielo:“Di fronte al rifiuto rispetto alla richiesta di rinvio della riunione, abbiamo abbandonato il vertice”, hanno fatto sapere dall’Associazione dei team.

    FOTA F1. La risposta a questa provocatoria azione della FIA non si è fatta attendere. Sul sito ufficiale della FOTA si legge:“I team sono stati inclusi nella entry list approvata dal Consiglio Mondiale della Fia e comunicata dalla stessa federazione il 24 giugno. Alla luce di questo i rappresentanti di Fota avevano chiesto un rinvio della riunione. La richiesta è stata però rifiutata considerando che nessun nuovo accordo della Concordia sarebbe possibile prima dell’approvazione dei regolamenti per il 2010. Da qui la decisione dei team di abbandonare la riunione”.

    FIA. Di parere contrario la Federazione che descrive uno scenario molto diverso:“La FIA ha incontrato le squadre che parteciperanno al mondiale 2010 per trovare alcuni accordi sui nuovi regolamenti. In particolare, era in discussione l’aumento del peso minimo delle vetture a 620Kg e la riduzione dei budget. Gli otto team della Fota sono stati invitati alla riunione per discutere le loro proposte ma hanno deciso di lasciare il tavolo”. Solo un malinteso o l’ennesima umiliazione per questo sport che non riesce in nessun modo a farci parlare solo di pista, macchine, sorpassi?