Formula 1 2010: ufficiale, arriva la Lotus

La Lotus torna in Formula 1 grazie ad un team della Malesia che si è iscritto al mondiale 2010 prendendo il posto della BMW Sauber

da , il

    La Lotus torna in Formula 1. Lo storico nome, ormai in mano ai malesi, prende il posto della BMW Sauber che, qualora riuscisse a trovare sponsor e finanziatori, potrebbe convincere la FIA a schierare ben 28 vetture nel mondiale 2010 di Formula 1.

    LOTUS F1. La FIA ha reso noto che sarà la Lotus F1 il 13° team di Formula 1 per il 2010. La squadra ha superato al fotofinish l’attuale dirigenza residua della BMW che, capitanata da Peter Sauber, stava tentando comunque di salvare in qualche modo la baracca. Della vecchia e storica Lotus c’è poco dato che la scuderia è attualmente di proprietà malese e, pur avendo base operativa a Norfolk, si sposterà quanto prima a Sepang. ll celebre marchio, quindi, sarà solo uno specchietto per le allodole, tanto per non avere in griglia un’anonimo team dal nome “reale” 1Malaysia F1 Team. Insomma, sarebbe come se la Force India, dal prossimo anno, decidesse di chiamarsi Brabham… che tristezza.

    MIKE GASCOYNE. L’operazione segna il ritorno in Formula 1 di Mike Gascoyne. Il discusso tecnico che ha avuto alterne fortune nel Circus iridato, guiderà la squadra assieme a Tony Fernandes. Quest’ultimo è attualmente CEO della AirAsia, compagnia aerea già sponsor del team Williams.

    BMW SAUBER. Come anticipato, i giochi non sono ancora chiusi per la scuderia di Hinwil che è stata recentemente venduta ad un fondo d’investimento svizzero Qadbak Investments Ltd, il cui rappresentante è Lionel Fischer. Se gli elvetici riusciranno a far quadrare il cerchio in tempi brevi, la FIA ha fatto sapere che non è escluso un allargamento della lista partecipanti da 13 a 14. Arrivare a 28 monoposto iscritte sarebbe un bel salto se si considera che in questo 2009 le vetture erano solo 20.