Formula 1 2014: “Profondo Rosso”, noia e patente a punti: i temi della settimana

F1 2014: la gara in Malesia ci ha dato alcuni spunti su cui riflettere

da , il

    Formula 1 2014 alonso

    Come ogni settimana, ecco a voi i pensieri e le opinioni della redazione di Derapate.it. Naturalmente l’argomento non può che essere il Gran Premio di Sepang appena trascorso, che ha visto un serio dominio delle Mercedes, e che ha messo in risalto al momento la scarsa competitività della Ferrari di Maranello, alla luce soprattutto dell’improvvisa rinascita della Red Bull. Tra pochi giorni si è tutti di nuovo in pista sotto al buio di Sakhir, bisogna rimboccarsi le maniche al più presto, gli altri scappano via con una velocità disarmante. Ma vediamo insieme cosa ne pensano i nostri fidati giornalisti di Formula 1.

    [sondaggio id="423"]

    Cavallino azzoppato, incapace di graffiare

    Dopo appena due gare del mondiale, siamo qui a parlare di quello che di fatto è un dominio incontrastato. Al momento la Mercedes viaggia indisturbata, con la prima doppietta stagionale, il primo posto nel mondiale piloti con Rosberg e un vantaggio difficilmente colmabile a breve. Chi ha prodotto gli sforzi maggiori per avvicinare le frecce d’argento è una Red Bull a cui va dato atto di aver lavorato meglio di altri. Ppiù che di evoluzione si deve ragionare su un progetto evidentemente nato bene, al quale mancava l’affidabilità della power unit e, ancora, diversi cavalli. Poi c’è chi l’affidabilità l’ha avuta praticamente subito, la Ferrari, ma ancora una volta è un Cavallino azzoppato, incapace di graffiare: il quarto posto di Alonso deve suonare come un campanello d’allarme, perché le due Mercedes che continueranno a dominare fino a Barcellona, potrebbero essere poi irraggiungibili.

    FABIANO POLIMENI, Twitter @fabianopolimeni, Google+

    Domenicali quest’anno si gioca il posto

    La seconda uscita delle monoposto a Sepang in Malesia si potrebbe intitolare “Profondo Rosso”. Torniamo dalla Malesia con alcune convinzioni: se la Mercedes mantiene e trova l’affidabilità è davanti senza rivali (in questo momento), Vettel e la Red Bull sono tornate molto velocemente mentre la Ferrari anche se in questo momento piazza un Alonso ad un terzo posto nella classifica piloti rimane molto indietro, troppo. Domenicali quest’anno si gioca il posto.

    LUCA ZUCCONI, Twitter @zuluca, Google+, Facebook

    Tutti stesi sul divano

    Non voglio parlare dei motori turbo silenziati ma del vuoto pneumatico che ha interessato il pubblico del Gran Premio di Malesia. Non ci sono stati boati sugli spalti. O davanti al televisore. Tutti stesi sul divano. Non ci sono state vere emozioni. Esclusa qualche lotta a distanza con il cronometro alla mano e qualche duello ravvicinato nelle primissime fasi di gara. Tutto il resto tace. Se non si fosse ancora capito, sto parlando della supremazia Mercedes che ha escluso ogni speranza per gli altri di avere voce in capitolo. Sto parlando del silenzio Ferrari che non sale neanche stavolta sul podio nonostante i proclami e le aspettative immense riposte sulla F14 T. Si dice che la stagione sia iniziata in sordina anche perché i nuovi regolamenti hanno reso tutte le macchine troppo acerbe. Gli orari dei GP in zona colazione, hanno aiutato l’intontimento generale di chi se la beve da casa. Ma è ora che, dal Bahrain in poi, parta qualche squillo di tromba. Anche a costo di svegliare qualche illuso che crede che i giochi non siano già fatti (in negativo) per tutti tranne che per quelli d’argento griffati.

    MANUEL PIERI: Twitter @pierimanuel, Google+, Facebook,

    Offro i miei punti della patente a Magnussen

    Al contrario dei miei colleghi vorrei esprimere un parere sulle penalità, ma soprattutto sull’insulso discorso della patente a punti. A parte che ho sempre odiato il penalizzare in griglia per motivi opinabili come abbiamo visto fare negli ultimi anni, ma qui in Malesia forse si è toccato il fondo: ma come si fa a penalizzare, ma soprattutto a togliere dei punti al povero Kevin Magnussen? Si è creato un precedente dal peso specifico incredibile: per quale motivo io dovrei tentare neanche il sorpasso, ma pure l’avvicinamento ad una vettura se, nel momento in cui la tocco, sono penalizzato? Non esiste, è un totale controsenso: le stesse persone che cercano con ogni trucchetto lo spettacolo sono le prime che lo distruggono. Incredibile.

    FABIO PSOROULAS, Twitter: @fabiopso, Google+, Facebook

    Continua il Fanta F1 di Derapate!

    Gp Valencia 2012, la gara

    Neanche una settimana di pausa e già è ora di fare il vostro pronostico per il Fanta F1 2014. Su chi scommettete per la Pole Position? E per i primi 8 classificati? Avete tempo fino a mezzanotte di venerdì per decidere su chi sarà il Poleman, ma la scelta vi consigliamo di farla, naturalmente, dopo le prime due sessioni di prove libere. Per farlo è semplicissimo, basta cliccare in questo link, mentre il regolamento del gioco, lo trovi qui. Gioca insieme a noi, puoi essere il vincitore dell’edizione 2014 del Fanta F1!