Formula 1 a Monaco: Webber, un mostro!

Formula 1: Mark Webber vince il Gran Premio di Monaco 2010 con una prestazione maiuscola

da , il

    Formula 1 a Monaco: Webber

    La vittoria nel Gran Premio di Monaco rappresenta per Mark Webber il punto più alto della sua carriera. Ad ammetterlo è il diretto interessato. Difficile dargli torto. Sono due gare di fila che l’australiano mette in scena una prestazione letteralmente mostruosa: è solido e veloce come poche altre volte prima. Normalmente Webber compie prestazioni di questo genere per non più di 3-4 volte all’anno. Se dovesse trovare ulteriore continuità, sarà un cliente scomodo per tutti. Tutti: a partire da Sebastian Vettel che comincia a sentire la pressione ma riesce ad accontentarsi di un prezioso secondo posto.

    MARK WEBBER. “E’ il momento più importante della mia vita. Vincere qua è veramente speciale. Sapevo di avere molto lavoro da fare. Sono cambiate molte volte le cose. Ci sono state molte safety car e dovevo tenere in considerazione molte varianti ma alla fine tutto è andato per il meglio”, ha dichiarato il pilota australiano della Red Bull.

    SEBASTIAN VETTEL. All’inizio non riusciva a tenere il passo di Webber. Solo nel finale ha trovato il giusto ritmo ma a quel punto non poteva fare nulla:“Non aveva senso fare lo sforzo di riprendere Mark o attaccarlo visto che qui è impossibile superare. Il secondo posto è il risultato ottimale per me perché mi porta a casa punti importanti”, ha spiegato Vettel.

    ROBERT KUBICA. “Partendo sulla parte sporca sapevo che sarebbe stata difficile. Le mie ruote hanno slittato e sono stato superato da Vettel - racconta Kubica – Poi avevo un passo migliore ma non potevo superarlo. Nel finale ho spiattellato uno pneumatico ed ho rischiato di dover fare un’altra sosta. Il terzo posto è quindi un ottimo risultato“.

    Foto: gpupdate.net