Formula 1, azzardo Virgin: vincente e ‘low cost’

Con l'annuncio della Virgin Racing di Lucas di Grassi come seconda guida si competa un altro tassello della griglia di partenza della Formula 1 2010

da , il

    Il brasiliano Lucas Di Grassi, a lungo facente parte del programma giovani della Renault, è il secondo pilota della Virgin Racing (precedentemente conosciuta come Manor GP). Classe 1984, Di Grassi vanta ben 4 stagioni in GP2. Al suo fianco troverà l’ex pilota Toyota Timo Glock. Dopo l’annuncio di Trulli e Kovalainen alla Lotus, prosegue a vele spiegate il processo di completamento della griglia di partenza della stagione 2010 di Formula 1 che vedrà la squadra di Richard Branson di fronte ad una missione impossibile: riscrivere la storia della categoria partendo dal budget più basso di tutti.

    LUCAS DI GRASSI. Alla fine Lucas di Grassi ce l’ha fatta. Dopo una lunga gavetta tra GP2 Series e Renault (per la quale ha ricoperto il ruolo di tester ed è stato più volte accostato al nome del successore di Nelson Piquet), il 25enne brasiliano ha trovato maggior fortuna in Inghilterra. “E’ fantastico essere qui – ha dichiarato – un sogno che diventa realtà dopo due anni da test-driver oltre che da pilota di GP2. Sono pronto e fiducioso”.

    VIRGIN RACING.La Virgin Racing ha fatto sapere che il terzo pilota sarà il portoghese Alvaro Parente e che il budget messo a disposizione dal Presidente del gruppo Richard Branson sarà inferiore ai 45 milioni di euro. Questo fa dell’ex-Manor la squadra più “povera” dell’intero Circus. Non si pensi, però, che Branson e soci avranno un atteggiamento rinunciatario. Il loro obiettivo è quello di vincere riscrivendo la storia ingegneristica della F1. Emblema di questa mentalità è la rinuncia totale alla galleria del vento: i modelli passeranno direttamente dal computer alla pista.