Formula 1: BMW nelle mani di Peter Sauber

Peter Sauber potrebbe rivelare la scuderia BMW di Formula 1

da , il

    La Formula 1 saluta la BMW ma potrebbe riabbracciare Peter Sauber. Il manager svizzero che aveva già venduto la propria struttura alla casa di Monaco nel 2005, potrebbe ritornarne in possesso, a prezzo di svendita, per tentare un’impresa in stile Honda – Brawn GP

    BMW SAUBER. Ricordiamo che la casa di Monaco ha recentemente annunciato, a seguito di un infuocato consiglio di amministrazione, il proprio disimpegno dalla Formula 1 alla fine del 2009. Le motivazioni ufficiali parlano di cambio rotta nelle strategie dell’azienda. Non più motorsport al 100% ma anche sostenibilità e rispetto ambientale. Voci di corridoio, invece, sostengono che la decisione sia nata a seguito della crisi economica e degli scarsi risultati in pista.

    PETER SAUBER. Il miliardario svizzero che 4 anni fa aveva venduto la fabbrica ai tedeschi, ha già fiutato l’affare. Ricomprarsi la propria squadra:“La soluzione migliore sarebbe imitare quello che ha fatto Ross Brawn con la Honda”. A Peter Sauber andrebbe ricordato che un conto è comprarsi una squadra con una vettura già pronta come ha fatto Ross Brawn, un altro è prendersela dopo che a metà stagione si è già deciso di sbaraccare. Ad ogni modo, veder morire quella che a tutt’oggi considera ancora una sua creatura, non va proprio giù all’elvetico:“Ci vogliono almeno dieci anni per mettere assieme un team che possa competere a un certo livello e se permettessimo che questa squadra sparisca, vorrà dire che la Svizzera non avrà mai più una tale opportunità”. I team della FOTA si dicono pronti a fare di tutto per aiutarlo e non vedono l’ora di farlo entrare nell’esclusivo Club. A lui non resta che racimolare sponsor e credibilità. In tal senso una grossa mano potrebbe arrivargli dal Brasile via Nelson Piquet senior. Inutile dire che, dopo essere stato scaricato dalla Renault, per Piquet jr. è questa l’ultima speranza di provare a fare ancora il pilota di Formula 1.

    Foto: www.wikipedia.org