Formula 1: Brawn vuole F2 e F3 come Moto2 e Moto3

L'idea è di usare la Formula 2 come tappa obbligata per i giovani piloti e come laboratorio di idee per la Formula 1

da , il

    Formula 1: Brawn vuole F2 e F3 come Moto2 e Moto3

    Non c’è solo la Formula 1 ma anche il campionato di Formula 2 sotto la grande mano di Liberty Media. La Formula 2 è tornata grandemente alla ribalta sostituendosi alla popolarità raggiunta dalla GP2. Ross Brawn, responsabile sportivo del Circus, pensa che si possa fare ancora meglio e ne ha tutte le ragioni. La sua idea è quella di far diventare F2 e F3 categorie assolutamente propedeutiche per arrivare in Formula 1 . Nella sua mente c’è una sorta di percorso quasi obbligato un po’ come avviene tra Moto3, Moto2 e MotoGP. Così facendo, in accordo con la visione di Brawn, tutti gli appassionati avrebbero tempo per conoscere i piloti sin dalla giovane età, affezionarsi alle loro carriere e diventare tifosi ancor più coinvolti.

    Brawn:”Formula 2 anticamera obbligata per la Formula 1″

    Il passo successivo che rappresenterebbe il via definitivo all’idea è, in accordo con la FIA, assegnare molti punti per ottenere la Superlicenza di Formula 1 a chi prende parte al campionato di Formula 2. “Vogliamo che sia così – ha ammesso Ross Brawn ad Autosport – sarebbe bello vedere un ragazzo passare dalla F3 alla F2 e poi in Formula 1. Abbiamo queste gare all’interno del weekend del GP per cui i tifosi possono iniziare ad essere coinvolti sin dall’inizio nelle carriere dei giovani piloti. Questo porterà a vantaggi commerciali e sportivi”. Quanto al salto dalla F2 alla F1, vista l’assenza di test, Brawn ha auspicato che sempre più team sfruttino le prove libere del venerdì per dare spazio ai giovani.

    Infine, la Formula 2 potrebbe essere una serie su cui testare soluzioni sportive in ottica Formula 1. “Possiamo provare a sviluppare alcuni concetti lì. Ad esempio in F2 c’è la partenza della gara 2 a griglia invertita che funziona molto bene ma che non può essere usata in Formula 1 mentre ci sono procedure di ripartenza della gara dopo safety car che stiamo provando e che possiamo poi esportare in F1″, ha concluso Brawn.