Formula 1: Button allerta i suoi rivali

Dopo gli elogi di Lewis Hamilton alla sua MP4-25, anche Jenson Button si unisce al coro

da , il

    Jenson Button GP Malesia

    Dopo Lewis Hamilton, anche Jenson Button esalta la nuova MP4-25 della McLaren e si dichiara pronto al riscatto nel prossimo appuntamento del Mondiale 2010 di F1, in programma tra una settimana sul circuito di Shanghai. Nell’ultima gara malese infatti, il campione in carica era partito dalle retrovie dopo delle qualifiche decisamente disastrose, ma riuscendo a risalire dalla diciassettesima fino all’ottava posizione. A differenza di Melbourne, dove la scelta azzeccata di rientrare subito ai box per il cambio gomme gli aveva regalato la sua prima vittoria stagionale, a Sepang, il pit stop anticipato non ha giocato a favore del pilota britannico.

    GP MALESIA F1. In Malesia, Button si è infatti ritrovato con le gomme ormai consumate a pochi giri dalla fine, quando Felipe Massa è riuscito a sorpassarlo, dovendosi così difendere dall’attacco dell’altro ferrarista, Fernando Alonso, che per sua fortuna nella foga del sorpasso ha fuso il motore. Il pilota della McLaren si trova ora al quarto posto nella classifica piloti, alle spalle di Sebastian Vettel, balzato in terza posizione dopo la vittoria a Sepang. Davanti al tedesco della Red Bull, le due Ferrari di Alonso e Massa, quest’ultimo leader della classifica con 39 punti. Il divario tra i big però è davvero minimo, con 7 piloti racchiusi in un range di soli 9 punti. È davvero lotta aperta dunque tra i 4 team favoriti della stagione 2010, e Button ha già allertato i suoi rivali, dichiarando come il potenziale per lo sviluppo della nuova MP4-25 sia davvero consistente.

    MCLAREN. E proprio per non perdersi nemmeno un minuto del lavoro da parte dei suoi ingegneri sulla vettura e per migliorarla ulteriormente in vista della Cina, Button è volato a Woking per seguire da vicino gli sviluppi e acquisire ulteriore confidenza con la monoposto. “Trenta ore di viaggio per un solo giorno di lavoro non sono poche” ha ironizzato il britannico, “ma sono sicuro che ne è valsa la pena. La nostra macchina migliora giorno dopo giorno e questo è l’aspetto più incoraggiante”. Il pilota della McLaren, nonostante i km, è convinto che il suo viaggio sia stato importante per diverse ragioni. In primis Button non aveva ancora avuto l’occasione di fare rientro all’MTC (il centro tecnologico della McLaren) dopo la vittoria australiana, e ha potuto così condividere il suo primo successo stagionale con coloro che l’hanno reso possibile.

    JENSON BUTTON. “La gente pensa che si tratti solamente di guidare una macchina, ma c’è un sacco di lavoro al quartier generale che ci permette di arrivare preparati in pista. È importante seguire personalmente tutto ciò che succede, così da migliorare la monoposto per il futuro”. A Woking, Button si è concentrato sul lavoro al simulatore e ha dichiarato come si senta molto a suo agio nella MP4-25, anche se la vettura non gli calza ancora perfettamente. “Ci vorrà ancora un po’ perché mi trovi completamente in sintonia con la monoposto, ma il team si sta dedicando al massimo per far si che mi si adatti al meglio. La loro attenzione ai dettagli è straordinaria. L’aspetto più incoraggiante dall’inizio della stagione è la consapevolezza di avere una vettura fantastica tra le mani. Anche se non ho guidato la macchina dell’anno scorso so che ce l’abbiamo messa tutta per sviluppare una monoposto che sia soprattutto rivoluzionaria. E il potenziale della MP4-25 è davvero enorme. I nostri rivali sono forti, ma dovranno guardarsi le spalle!”.

    Foto: motorsport.com