Formula 1, Button: vinco anche nel 2010

Jenson Button, campione del Mondo in carica, ha dichiarato di voler vincere il titolo anche con la McLaren nel 2010, andando a bissare quello ottenuto l'anno passato con la BrawnGP

da , il

    Il neo pilota McLaren, Jenson Button ha ribadito di voler bissare il titolo ottenuto nel 2009 con la BrawnGP, dimostrando piena fiducia nel nuovo progetto e dichiarandosi per nulla intimorito da Lewis Hamilton, con il quale dividerà il box.

    L’iridato ha vestito ieri la sua nuova tuta per la prima volta e farà il suo debutto con la monoposto di Woking nei test in programma a febbraio, dove potrà finalmente sfoggiare il tanto ambìto numero 1 di campione in carica.

    Voglio tenermi il titolo il più possibile” ha detto “il duro lavoro comincia qui. Le prossime dieci settimane potrebbero decidere gran parte del destino del Mondiale 2010, quindi è fondamentale cominciare i test nel modo migliore e senza passi falsi“.

    Tuttavia, l’ex pilota di Williams, Benetton, Renault, Honda e BrawnGP non pensa ancora al Mondiale, rimandando l’argomento a marzo, quando avranno inizio le ostilità in quel di Sahkir: “Adesso è un po’ presto per cominciare a parlare del campionato. Ogni progetto si basa su preparazione, lavoro, concentrazione e impegno”. Il trionfo dello scorso anno non è bastato, dunque, all’inglese, il quale si presenta a questa fase che precede i test con grandi ambizioni: “Sono più motivato che mai, non vedo l’ora di cominciare a lavorare con la squadra e con gli ingegneri. Sono molto ottimista“.

    Button, come tutti i piloti che hanno cambiato casacca rispetto alla passata stagione, dovrà far fronte a diverse novità: “Ovviamente è fantastico far parte di uno dei marchi più prestigiosi del circus. Sono stato per 7 anni nella stessa squadra, quindi questo è un grande cambiamento culturale. Ci sono tante facce da ricordare e tanti nomi da imparare. L’atmosfera è fantastica, comincio già a sentirmi a casa. Comincerò a lavorare con gli ingegneri, ma non vedo l’ora di andare a Valencia per i primi giri con la MP4-25. Quando mi metterò al volante, mi sentirò definitivamente un pilota della McLaren“.

    Il campione in carica viene considerato da molti un buon pilota, vincente solo quando ha la vettura migliore, come è accaduto, appunto, nel 2009 con la missilistica BrawnGP, al punto che gli appassionati credono che prenderà letteralmente paga da Hamilton.

    Ma le sue dichiarazioni di puntare in alto sono talmente chiare da pensare che difficilmente uscirà da questo confronto con le ossa rotte come il povero Heikki Kovalainen.

    Ora, però, la missione consiste nel tradurre le parole in fatti.