Formula 1: cambio epocale nei punteggi

La Commissione F1 della FIA ha ufficializzato il cambio al sistema di assegnazione dei punteggi che adesso darà ben 25 punti al vincitore contro i 10 dell'anno precedente

da , il

    Adesso è ufficiale. Il sistema di assegnazione dei punteggi in Formula 1 cambia. Cambia e prende una strada che segna una svolta epocale. Mai si erano assegnati più di 10 punti al vincitore. Adesso il primo classificato ne porterà a casa ben 25. Ed andranno a punti fino ai primi 10 classificati. Sembra preistoria quanto accadeva fino al 2002 quando raccoglievano qualcosa solo i primi 6. Sembra storia anche ciò che accadeva fino a ieri dove tra il vincitore ed il secondo classificato c’erano solo due punti di differenza. Una nuova norma viene introdotta anche per gli pneumatici.

    SISTEMA PUNTEGGI F1. Il sistema 10-8-6-5-4-3-2-1 era già andato in pensione. Jean Todt aveva buttato nella mischia un 25-20-15-12-10…etc che apriva il varco alla rivoluzione. I team, però, hanno preferito alcune modifiche la Federazione ha accettato di buon grado ed ha ufficializzato ieri. Il nuovo sistema di assegnazione dei punti, nato per incentivare la vittoria e che ancora non premia l’autore della pole position o del giro più veloce, è il seguente:

    1st: 25 punti (precedente 25)

    2nd: 18 punti (precedente 20)

    3rd: 15 punti (precedente 15)

    4th: 12 punti (precedente 10)

    5th: 10 punti (precedente 8 )

    6th: 8 punti (precedente 6)

    7th: 6 punti (precedente 5)

    8th: 4 punti (precedente 3)

    9th: 2 punti (precedente 2)

    10th: 1 punti (precedente 1)

    Se volessimo riportare le proporzioni in una scala che assomigli a quella che dà 10 punti alla vittoria, dovremmo dividere per 2,5. Allora otterremo una cosa del genere: 10 punti al primo; 7,2 al secondo; 6 al terzo; 4,8 al terzo: 4 al quinto; 3,2 al sesto; 2,4 al settimo ; 1,6 all’ottavo; 0,8 al nono; 0,4 al decimo. Come si nota bene, la distanza tra primo e secondo è comunque inferiore rispetto a quella che c’era prima del 2003 (allora era 10 contro 6). Questo mio calcolo potrebbe tornare utile qualora decidessimo di fare analisi incrociate tra i risultati dei campioni di domani e quelli di un tempo. Molte statistiche, infatti, saranno adesso non più confrontabili. Il cambio, come detto, è epocale.

    GOMME IN QUALIFICA. Altra norma ratificata riguarda l’utilizzo degli pneumatici in qualifica. La FIA ha accettato l’assurda proposta dei team i quali si sono obbligati ad usare nella prima parte della gara le stesse gomme già montate nella qualifica Q3, quella buona per fare il tempo a serbatoio scarico. Inoltre, per incoraggiare le squadre a girare di più nelle libere del venerdì, la Commissione F1 ha proposto che un set deve essere restituito entro l’inizio della seconda sessione e due set entro l’inizio della terza (quella del sabato mattina).