Formula 1: chi vuole una guerra tra Pirelli e Michelin?

Formula 1: il presidente della FIA Jean Todt spinge per un ritorno della Michelin

da , il

    todt, fia, formula 1

    Ci mancava questa! Il francesissimo presidente della FIA, Jean Todt, tira fuori dal cilindro l’ipotesi di un ritorno della Michelin in Formula 1 assieme alla Pirelli. Senza dubbio: tra le recenti, le migliori stagioni della massima competizione motoristica le abbiamo vissute senza la guerra tra i gommisti! Quando i francesi dal 2007 hanno lasciato il monopolio in mano alla Bridgestone, è stata una liberazione. Ormai si sa: gli pneumatici sono una componente troppo importante nella realizzazione della performance di una monoposto per poter pensare a due fornitori diversi all’interno dello stesso campionato. Se la Michelin tornasse e si mettesse in competizione con la Pirelli, non sarebbe più Formula 1 ma Formula G (dove G sta per gomme, s’intende). Nessun altro aspetto tecnico interesserebbe. Sarebbe la banalizzazione della tecnologia dell’auto. E, soprattutto, i meriti non sarebbero più dei vari Adrian Newey, Pat Fry, Paddy Lowe, James Allison… e dei loro gruppi di lavoro. Non vi pare?

    Formula 1: il monopolio della gomma non va toccato!

    Innanzitutto va chiarito che il contratto con la Pirelli scade al termine dell’anno 2013. In secondo luogo va precisato che la Michelin ha interesse a tornare in Formula 1 solo nel caso in cui possa fare la guerra con qualche rivale. Tornare per essere monopolista, non rientra nel DNA dell’azienda francese. Jean Todt sta spingendo o è spinto, fate voi, dai suoi connazionali. Possibile che il Napoleone della Formula 1 abbia il coraggio di commettere un errore così grave? E Tronchetti Provera? Accetterà un rinnovo dell’accordo da dopo il 2014 a queste condizioni?

    Schumacher testimonial Michelin!

    A Michael Schumacher le gomme Pirelli non sono mai andate giù. Le ha criticate aspramente finendo quasi per passare come un predicatore nel deserto. A tutto il resto del Circus piace lo spettacolo che Paul Hembery ed i suoi uomini hanno portato sebbene, soprattutto in questo 2012, restino grosse perplessità sulle altalene di prestazioni che le monoposto sono costrette a subire. L’arrivo di una nuova competizione sul fronte degli pneumatici muterebbe di molto l’attuale scenario. Per il sette volte iridato, sarebbe una svolta positiva:“Sono decisamente a favore dell’arrivo di un ulteriore produttore di pneumatici – ha dichiarato durante un incontro con i fans organizzato dalla FOTA - così potremmo finalmente avere delle gomme decenti”. Nello stesso contesto, il fenomeno di Kerpen si è detto favorevole all’allargamento del calendario di Formula 1 a più di 20 gare. Segno che la voglia di correre, competere e provare a vincere, non gli è proprio passata.