Formula 1: cosa succederà nel 2017 tra Mercedes, Ferrari, Red Bull e McLaren?

Formula 1: previsioni di stagione 2017 in arrivo! Cosa combineranno Mercedes, Ferrari, Red Bull e McLaren alla luce dei nuovi regolamenti? Ci saranno scossoni nei valori in campo? Cerchiamo di scoprirlo...

da , il

    C’è un cambio di regolamenti tecnici che attende la stagione 2017 di Formula 1. Lo si sa. La novità si è resa necessaria per dare agli avversari della Mercedes l’opportunità di fare un salto prestazionale netto e rimettere in discussione l’egemonia teutonica. Ma cosa succederà la prossima stagione? Ci sarà davvero un rimescolamento dei valori in campo? Cosa combinerà la Ferrari? Davvero non sarà più la Mercedes la macchina da battere? E quale sarà la monoposto di riferimento? Proviamo a guardare dentro alla sfera di cristallo ed a dare qualche risposta anticipata.

    F1 2017: che farà la Mercedes?

    La logica dice che il 2017 vedrà ancora una volta la Mercedes dominare. La power unit tedesca non sarà più una spanna sopra a quelle di Ferrari e Renault. Anche la Honda si avvicinerà sensibilmente. Ma il telaio realizzato a Brackley resterà uno dei migliori. La squadra guidata da Toto Wolff ha risorse e capacità per prepararsi alla grande anche per questo nuovo cambio di regolamenti. Resta una corazzata. Resta il team da battere. Tanto per rendere l’idea, in un momento di assoluta franchezza, il team principal austriaco ha consigliato al governo della Formula 1 di non introdurre alcun cambio regolamentare dando questa spiegazione:”Se ci saranno da fare investimenti per progettare macchine completamente nuove, saremo pronti. Chi vuole un campionato più equilibrato, quindi, deve ricordarsi che non c’è miglior cosa che tenere le regole invariate. Noi siamo più avanti degli altri, ciò significa che siamo più vicini al limite ed abbiamo margini di miglioramento inferiori. Non cambiare le regole, significa far avvicinare le prestazioni di tutti”.

    F1 2017: che farà la Ferrari?

    La Ferrari non scenderà in pista per vincere il mondiale. Il progetto 2017 non sta nascendo sotto i migliori auspici a causa del netto cambio di guida tecnica e di impostazione del lavoro. Sarebbe un miracolo se la nuova squadra guidata da Mattia Binotto riuscisse a fare meglio di due corazzate come Mercedes (vedi in precedenza) e Red Bull (vedi in seguito). Quello che i tifosi possono auspicare è che ci sia una generale contrazione dei distacchi e che, per la prima volta dopo anni e anni, la monoposto rossa riesca a crescere nel corso della stagione. In linea generale, Vettel e Raikkonen saranno ancora la terza forza in campo, almeno il giorno della gara inaugurale in Australia.

    F1 2017: che farà la Red Bull?

    Chi ha in mano le carte giuste per stupire e dare veramente fastidio alla Mercedes è la Red Bull. Nel 2017 il motore Renault avrà poco da invidiare a quello Mercedes o Ferrari. Con Adrian Newey tornato a fare il Genio full time ben gasato da regolamenti tecnici che fanno tornare protagonista il carico aerodinamico e con due piloti come Ricciardo e Verstappen che si stanno spingendo oltre il limite Gran Premio dopo Gran Premio, ci sono tutti gli ingredienti per immaginarci le lattine tornare a volare. Saranno degli avversari scomodissimi per Hamilton e Rosberg. Un solo passo falso, un solo piccolo problema di gestione delle gomme da parte delle Mercedes, basterà a riportare il titolo a Milton Keynes. La squadra di Chris Horner capitalizzerà di ogni minima indecisione della casa di Stoccarda. Sarà cinica e spietata.

    F1 2017: che farà la McLaren?

    Chiudiamo questo quadro alla Nostradamus parlando della McLaren-Honda. Mettiamo anche loro nel quadro poiché crediamo che torneranno a far parte del gruppo dei top team. Non hanno alternative. Sia chiaro, non vinceranno molto. Ma Alonso inizierà a rivedere qualche podio. Sta nella logica delle cose. Sta nel fatto che i giapponesi risolveranno sicuramente i problemi di power unit, se non durante il prossimo inverno, nel corso della prima metà del 2017.