Formula 1: doppio diffusore illegale dal 2011

La FIA vuole vietare i diffusori col buco a partire dal 2011

da , il

    Il regolamento della Formula 1 è ancora in costruzione. Quello del 2011 interamente. Per quella data, ad esempio, sembra che la Federazione voglia vietare i tanti discussi diffusori col buco che hanno fatto la fortuna della Brawn GP e di Jenson Button. Anche il dibattito per il 2010, comunque, non si può dire concluso. Il sistema dei punteggi non è stato ancora ufficializzato e vi sono in ballo almeno due questioni importanti: assegnare punti anche all’autore della pole position e premiare maggiormente chi vince, modificando l’attuale 25-20-15-10-8-6-5-3-2-1 in 25-18-15-12-10-8-6-4-2-1.

    F1 2011. Il doppio diffusore sarà vietato. La scelta è sofferta ma doverosa. Sofferta perché dimostra quanto sostenuto da Ferrari, McLaren, BMW, Red Bull e Renault: vale a dire che la soluzione adottata ad inizio 2009 da Brawn GP, Williams e Toyota è contro lo spirito del regolamento che, ricordiamo, voleva produrre un più marcato “effetto scia” per agevolare i sorpassi. E’ sofferta anche perché dimostra l’idiozia della Federazione che, in fase di analisi dei progetti, ha dato il semaforo verde a quei diffusori per rendersi conto dell’errore solo quando era troppo tardi. Era sbagliato vietare quei progetti dopo che erano stati approvati così come era sbagliato permettere che vedessero la pista. Detto ciò, si capisce quanto sia doveroso intervenire da parte della Federazione scrivendo un regolamento molto più rigido e meno soggetto ad interpretazioni. Così sarà fatto. Ovviamente non da subito. Dal 2011, Farlo già nel 2010 avrebbe voluto dire ammettere in modo ancor più plateale lo sbaglio fatto lo scorso anno.

    SISTEMA PUNTEGGI. Novità per il sistema dei punteggi. Pare di sì. In attesa che la FIA ufficializzi il tutto, motorsport.com anticipa una nuova suddivisione che accontenterebbe coloro i quali vogliono premiare maggiormente la vittoria: si passerebbe dal 25-20-15-10-8-6-5-3-2-1 al 25-18-15-12-10-8-6-4-2-1. Visto che dobbiamo restare in “zona 25″, continuo a non capire come mai, a questo punto, non si ricalchi il sistema del motomondiale che, a differenza di questi “esperimenti”, è un qualcosa di ampiamente collaudato. Altra innovazione che non mi esalta particolarmente è quella di dare dei punteggi all’autore della pole position. Secondo me il campionato del mondo si vince con le gare e basta. Se poi si vogliono dare dei punti alle qualifiche, si dovrebbe pensare ad una classifica “speciale”, parallela, che premia il più veloce a serbatoi scarichi. Ripeto, secondo me sono due discipline diverse.