Formula 1: Ecclestone pronto a lasciare! Ma la Ferrari ha il diritto di veto…

Formula 1: Bernie Ecclestone è alla ricerca di un successore ma la storia non è facile perché deve convincere anche la Ferrari che, altrimenti, può far valere il diritto di veto!

da , il

    Formula 1: Ecclestone pronto a lasciare! Ma la Ferrari ha il diritto di veto...

    Ragazzi, da quanto anni si sente dire che Bernie Ecclestone è arrivato al capolinea? Tanti. Forse troppi. La carta di identità conta ora 83 primavere e da un po’ di tempo ci si sono messe anche le grane giudiziarie a rovinare l’immagine del nostro caro patron della Formula 1. Come un altro indagato anzianotto che ama stare nelle stanze del potere e che noi italiani ben conosciamo, visto il proprio potere e carisma, non riesce mai a trovare un degno erede. Prima o poi, però, Bernie dovrà cedere. Ultimamente si è persino spinto nell’indicare Christian Horner della Red Bull come candidato ideale ad occupare la sua poltrona. Il team principal dei bibitari, però, ha elegantemente rifiutato l’invito. C’è di più. Ora salta fuori che la Ferrari può far valere il diritto di veto sul nome del successore qualora non abbia certi requisiti…

    Grana Ecclestone: chi al suo posto?

    Insomma, se non oggi, tra un po’, Bernie Ecclestone dovrà lasciare il timone della Formula 1. Tornando sul nome di Chris Horner quale successore, ha spiegato di non averci pensato sul serio ed ha dichiarato alla CNN:“Penso che la Ferrari avrebbe qualcosa da dire. C’è bisogno del consenso scritto da parte della Ferrari se il nuovo AD ha svolto un ruolo senior o ha posseduto più del 5% di un team, un fornitore di motori o un marchio automobilistico”. Ricordiamo che la Ferrari, in virtù della propria storia, del prestigio e del blasone, ha la possibilità di far valere il proprio diritto di veto anche su questioni tecnico-regolamentari. Ciò non ha impedito alla scuderia italiana, però, di trovarsi spesso e volentieri in contrasto con le attuali regole della Formula 1 quali la limitazione dei test e la preponderanza della parte aerodinamica rispetto a quella meccanica.

    Fotogallery: Tamara Ecclestone è meglio di Bernie!

    McLaren: Dennis torna operativo?

    Per un vecchio boss che si appresta a lasciare ce n’è un altro che pensa ad un clamoroso ritorno. Trattasi di Ron Dennis. Attualmente in possesso del 25% del pacchetto azionario, sta cercando investitori cinesi che lo aiutino a comprare l’altro 25% in mano dello storico socio Mansour Ojjeh. Tornato a dettar legge, potrebbe scalzare Martin Whitmarsh e preparare l’arrivo di Ross Brawn e la Honda nel 2015.

    Ross Brawn: “Deciderò in estate il mio futuro”

    Ross Brawn dopo aver salutato la Mercedes ha fatto sapere che valuterà nel corso della prossima estate cosa fare del proprio futuro. “Voglio vedere come andranno le cose nei prossimi 6-12 mesi - si legge su Autosport – voglio prendermi del tempo per riflettere e la prossima estate prenderà una decisione anche in base alle offerte che mi saranno fatte”. L’addio a Brackley non è avvento senza polemiche: “Non mi sono trovato d’accordo con la visione delle cose che avevano alcuni membri della dirigenza e mi sono fatto da parte”, ha affermato. Tuttavia non è escluso per lui persino un ritorno dalle parti di Stoccarda. La destinazione più probabile, però, si chiama McLaren. A meno che la Ferrari non faccia un altro buco nell’acqua e Montezemolo decida di scaricare Domenicali. Meglio, però, non andare troppo avanti con la fantasia. A noi come a Ross, servono altri 6 mesi per capirci di più.