Formula 1: Ferrari col dilemma Massa-Kubica

Formula 1: la Ferrari inizia a valutare il contratto di Felipe Massa, in scadenza a fine 2010

da , il

    Questa siamo noi a darvela per certa. Robert Kubica è da tempo nei piani della Ferrari. Volete conferme? Il polacco ha agganci molto forti in Italia (vedi il suo manager Daniele Morelli), ha un grandissimo sponsor che risponde al nome di Fernando Alonso ma soprattutto gode della stima incondizionata delle massime teste di Maranello, vale a dire il Presidente Luca di Montezemolo e il team principal Stefano Domenicali. Come se non bastasse, si è accasato alla Renault in questo 2010, guarda il caso, solo per un anno. Insomma, i presupposti affinché sia lui il successore di Felipe Massa ci sono. Ma da qui a parlare di certezze…

    PILOTI FERRARI. Felipe Massa o Robert Kubica? Sembra questo il dilemma che attanaglia la Gestione Sportiva Ferrari e che accompagnerà Stefano Domenicali ed i suoi uomini fino all’estate. Una decisione deve essere presa entro luglio. La situazione è questa: Felipe Massa sta lì per due motivi. Essendo brasiliano è un formidabile uomo immagine per il mercato sudamericano del gruppo FIAT. In secondo luogo, è l’ultimo regalino lasciato dalla gestione Todt (Nicholas, il figlio dell’attuale presidente della FIA è ancora suo manager). Queste due argomentazioni non sono così forti da giustificare la presenza di Massa ancora a lungo e, con il contratto in scadenza a fine 2010, Robert Kubica rappresenta l’alternativa ideale (per i motivi di cui sopra). Il problema nasce nel momento in cui il pilotino di San Paolo continua ad andare così forte. Dato sempre per spacciato, è riuscito a non sfigurare nel confronto con lo Schumacher dei record, ha battuto Kimi Raikkonen spesso e volentieri e sta lottando con Fernando Alonso, rispondendogli colpo su colpo. Voi che ne pensate? La Ferrari dovrebbe prolungare il contratto di Felipe Massa, dovrebbe ingaggiare Robert Kubica oppure sarebbe meglio che si prendesse una più mansueta seconda guida in stile Barrichello? Dite la vostra nel nostro sondaggio della settimana.

    FERNANDO ALONSO. Secondo alcuni, la Ferrari sbaglia ad avere un attacco a due punte. A conti fatti, tra Red Bull, McLaren e Mercedes, la Rossa – smentendo la sua storia recente – è l’unica a puntare su due cavalli ad ogni gara. Stando ai commenti di alcuni tifosi nostalgici dei successi firmati dalla coppia Schumacher-Barrichello, Stefano Domenicali dovrebbe puntare tutto su Fernando Alonso affiancandogli un pilota costante ma non velocissimo. Ma il diretto interessato, cosa ne pensa? Lo spagnolo, tornato a casa dopo diversi giorni passati dall’altra parte del mondo, non sembra preoccupato più di tanto dall’aver un avversario scomodo in squadra. Anzi:“Resta un sogno il fatto che sia al secondo posto nel campionato con due sole lunghezze di ritardo dal leader che, fra l’altro, e’ il mio compagno di squadra e che la Ferrari sia in testa alla classifica Costruttori”, ha dichiarato senza invidia nei confronti del brasiliano. “Non sono preoccupato per l’affidabilita’. Credo che quello che ha provocato il cedimento del mio motore sia un evento episodico – ha aggiunto il due volte iridato - Per quanto riguarda la prestazione, anche in Malesia eravamo competitivi. Quella di Sepang era una pista dalle caratteristiche differenti rispetto alle due precedenti e la F10 ha dimostrato di adattarvisi bene. Dobbiamo ancora migliorare nello sfruttamento delle gomme sul primo giro cronometrato ma sul passo di gara andiamo molto bene”, ha concluso l’asturiano dicendosi molto fiducioso per il prossimo GP della Cina. Le caratteristiche del circuito di Shanghai dovrebbero adattarsi bene a quelle della Ferrari F10.

    Foto: motori.tuttogratis.it