Formula 1 in Canada: 4 nomi per la vittoria

Formula 1: Lewis Hamilton parte da favorito in pole position nel Gran Premio del Canada ma la corsa si preannuncia ricca di colpi di scena con l'attesissimo e scontato ingresso della safety car che creerà sicuramente dei colpi di scena

da , il

    Formula 1 in Canada

    Si rompe nelle qualifiche del Gran Premio del Canada il dominio della Red Bull sul giro secco. E l’uomo in grado di farlo non poteva essere nessun altro se non Lewis Hamilton. Il pilota anglocaraibico è il più in forma del momento e, gasato dalla vittoria di Istanbul, ha ottimizzato il pacchetto a propria disposizione rendendosi protagonista di una prestazione superlativa. Per la gara, però, tutto è ancora da decidere con una McLaren che parte con gomme morbide e sa di non poter andare avanti a lungo. Il tutto con la certezza assoluta che ci sarà almeno un ingresso della safety car a scombinare i piani.

    LEWIS HAMILTON. “E’ stata una bella giornata che mi ha ricordato la mia prima vittoria. Voglio ringraziare i ragazzi che mi hanno aggiustato la macchina dopo averla danneggiata durante le prove libere”, ha detto il Lewis Hamilton dopo la pole position. Sul giro secco la sua freccia d’argento non ha rivali. Adesso in gara è costretto a fare la lepre e sperare che non arrivi una safety car sul più bello ad annullare il suo vantaggio. Se la gioca così la vittoria.

    RED BULL. Se le Red Bull riusciranno a tenere il passo della McLaren saranno dolori per Hamilton. “Sono felice della strategia che abbiamo adottato che ci mette in una buona posizione per la gara di domani. Abbiamo scelto le gomme dure e siamo in una posizione meno rischiosa”, ha dichiarato Chris Horner. Dello stesso avviso Mark Webber:“Sapevamo che potevamo fare un buon risultato anche con le gomme dure e così è stato. Domani sarà una corsa dura e faremo del nostro meglio avendo una strategia favorevole soprattutto se dovessero esserci delle safety car”. Lamenta qualche errore di guida, invece, Vettel. Il tedesco è ancora una volta nei tubi di scarico dell’australiano:“Noi siamo usciti con le dure che ci mettono un po’ a scaldarsi. Ho fatto il miglior giro alla fine e anche se non sono stato del tutto pulito devo dirmi soddisfatto. Credo che anche la scelte delle gomme sia quella giusta”.

    FERRARI. Stefano Domenicali non è d’accordo con il collega degli austriaci. “E’ importante per noi essere tornati davanti ed a battagliare con le vetture di testa. Credo che la Red Bull rischierà a montare le gomme dure”, ha ammesso l’imolese. Le gomme dure, a suo parere, sarà meglio montarle nella seconda parte di gara. Dipende: se una safety car si presente prima della prima sosta, hanno avuto ragione le Red Bull. Diversamente, hanno vinto la scommessa Ferrari e McLaren. Fernando Alonso sa di avere qualche buona carta in mano anche perché la F10, a differenza della monoposto di Hamilton, è molto più gentile con gli pneumatici. “Sono ottimista per domani - ha dichiarato lo spagnolo – possiamo fare il podio ma è importante stare attenti con la strategie. Abbiamo la fortuna di stressare gli pneumatici molto meno degli altri team e questo ci dà un vantaggio notevole”, ha ribadito.

    Foto: f1grandprix.it