Formula 1 in Russia nel City Racing di Mosca

La Formula 1 sbarca in Russia con McLaren, Red Bull e Williams che partecipano al City Racing di Mosca

da , il

    La Formula 1 arriva in Russia e chiama nelle strade della capitale 100 mila spettatori che si assiepano lungo i 4 chilometri e mezzo del percorso per vedere oltre 100 bolidi di ogni specie rombargli davanti. Reginette dell’evento, ovviamente, Red Bull F1, McLaren Mercedes e Williams.

    GP RUSSIA F1. Il Festival City Racing di Mosca, giunto alla sua seconda edizione, si è trasformato in un corposo antipasto di ciò che attenderà a breve la Formula 1, oramai vicinissima allo sbarco in Russia. Per l’occasione, è stato ricavato un tracciato di circa 4,5 km nell’area storica del Cremlino e della Piazza Rossa. In totale erano più di 100 le vetture chiamate alla manifestazione ma l’interesse degli oltre 100 mila spettatori erano tutti per David Coulthard, Heikki Kovalainen e Kazuki Nakajima che al volante di Red Bull, McLaren e Williams hanno fatto sognare un’intera nazione.

    GP ABU DHABI F1. E’ uscito un nuovo video che mostra in anteprima il Circuito Yas Marina dove si correrà il primo GP di Abu Dhabi agli inizi di Novembre. Nonostante l’appuntamento che chiude la stagione 2009 sia uno dei più attesi, dalle immagini non sembra nulla di entusiasmante ma il solito tracciato cittadino. Felici di essere smentiti, ci sembra anche di notare della vie di fuga per nulla all’altezza della situazione.

    GP DI GRAN BRETAGNA. Sempre in tema di circuiti, registriamo l’ennesima proposta di Bernie Ecclestone in merito al GP di Gran Bretagna. Il patron della F1, dopo aver strappato la corsa della Regina dalle mani dello storico Silverstone ed aver obbligato Donington a rifarsi il look per il 2010, sembrerebbe che stia trattando per trovare un’alternanza tra le due location. Damon Hill, presidente del British Racing Drivers’ Club che possiede Silverstone, ha detto:“Non sono d’accordo con un’alternanza. Credo sia un insulto. E’ un altro assurdo modo per mettere il profitto davanti all’interesse della gente. Questa politica non può durare a lungo. La corsa - ha concluso l’iridato del 1996 facendo cenno alle difficoltà di Donington nel realizzare i lavori di ammodernamento – deve essere fatta a Silverstone perché è l’unica strada percorribile”.