Formula 1: Kubica contro il tabù Australia

Il pilota polacco della Renault Robert Kubica, nella gara di domenica prossima a Melbourne cercherà di invertire la sua tendenza negativa sul circuito australiano: finora, infatti, su 3 partecipazioni non ha mai visto la bandiera a scacchi

da , il

    Stiamo entrando nel week-end di gara di Melbourne, secondo appuntamento del Mondiale di Formula 1 2010.

    Questa tappa servirà non solo a McLaren, Red Bull e all’altalenante Mercedes GP per ridurre il gap dalla Ferrari dominatrice in Bahrain, ma sarà utile anche ad alcuni piloti abituati ad occupare spesso posizioni di rilievo per sfatare il tabù della pista australiana dove, loro malgrado, hanno finora ottenuto risultati negativi. Uno di questi è sicuramente Robert Kubica, neo pilota Renault dopo 4 anni alla BMW-Sauber.

    Il polacco si è trovato subito a suo agio con il suo nuovo team, ma nella gara d’esordio è arrivato solo ai margini della zona punti con l’11° posto a causa di un contatto dopo il via con la Force India di Adrian Sutil che lo ha costretto ad una gara tutta in rimonta.

    Ma ora parliamo del GP d’Australia: l’ex pilota BMW vi prende parte dal 2007 ed in tre partecipazioni non ha mai visto la bandiera a scacchi.

    Nella gara d’esordio della sua prima stagione completa se la stava giocando con il suo allora compagno di team ed attuale terza guida Mercedes GP Nick Heidfeld per la quarta posizione quando fu fermato da un problema al cambio.

    Nel 2008 si stava involando verso un altro piazzamento a punti quando fu tamponato dalla Williams di Kazuki Nakajima finendo fuori gara, mentre il giapponese arrivò al traguardo senza gravi danni concludendo in 6° posizione.

    Nel GP dello scorso anno stava duellando negli ultimi giri con la Red Bull di Sebastian Vettel per la seconda posizione quando, nel tentativo di sorpassarlo, la sua BMW è andata in testacoda rovinando la sua gara, quella del tedesco e vanificando la loro rimonta sul leader della gara Jenson Button.

    La Renault è ancora a quota zero, quindi la tappa australiana servirà a Kubica per invertire la tradizione negativa ed al team per racimolare i primi punti della stagione.

    Non credo che questo obiettivo sia impossibile, ma storicamente Melbourne è stata sempre teatro di gare ad eliminazione, con continue entrate in pista della safety-car e colpi di scena a non finire, così come a Montreal, alla pericolante Spa-Francorchamps ed i circuiti cittadini di Montecarlo e Singapore.

    Domenica prossima questa usanza verrà confermata? Saranno smentiti gli appassionati che ritenevano noiosa la Formula 1 2010 a causa delle nuove regole?

    Io credo di sì.