Formula 1: la BMW chiede troppi soldi

Peter Sauber fa sapere che le trattative con la BMW per l'acquisizione del team di Formula 1 sono in un momento molto difficile causa esagerata richiesta economica da parte dei bavaresi

da , il

    Peter Sauber ha raccontato che la richiesta economica della BMW per rilevare la restante parte della scuderia è troppo alta. Si complica, quindi, il ritorno della squadra di Hinwil al suo fondatore.

    PETER SAUBER. Il manager svizzero che ha fatto debuttare il team in Formula 1 nel 1993, si è tenuto il 20% delle azioni quando nel 2005 ha venduto ai tedeschi della BMW. “A seguito dell’annuncio di BMW di uscire dalla F1 a fine stagione 2009, ho provato a salvare il team - ha spiegato chiaramente Sauber ad Autosportle negoziazioni con BMW sono fallite perché la richiesta era semplicemente troppo alta per me. Di conseguenza, non mi è stato possibile firmare il nuovo Patto della Concordia che avrebbe garantito l’ingresso dei soldi necessari a garantire un futuro sicuro all’intera squadra”. Peter Sauber è ancora determinato a fare qualunque cosa pur di dare ancora un futuro in Formula 1 alla struttura di Hinwil ma le chance sono al momento pochissime:“Sono deluso e sconsolato – ha ammesso lo svizzero – questo è per me il giorno più amaro dei 40 anni passati nel mondo dei motori. Altre soluzioni vanno adesso cercate - ha concluso sfogando la propria rabbia nei confronti dei tedeschi – la responsabilità per questo sta nelle mani della BMW. Inutile dire che sono ancora disposto ad aiutare la struttura, come sempre”.

    BMW. Dal canto loro i tedeschi, per bocca di Mario Theissen, fanno sapere che l’acquirente non si è ancora trovato:“Abbiamo provato a vendere il team, ma non ci siamo riusciti. Abbiamo avuto poco tempo a disposizione e questo non ci ha consentito di trovare una soluzione per una transazione così complessa. Ciò significa che al momento non siamo in grado di firmare il Patto”. Anche i bavaresi, però, non si vogliono arrendere e, ringraziando la Federazione per la proroga concessa, sperano di potersi di nuovo sedere al tavolo delle trattative con Sauber ed i nuovi eventuali investitori come Nelson Piquet:“Nelle prossime settimane l’obiettivo sarà trovare una soluzione con soggetti potenzialmente interessati e con Peter Sauber. Fino al termine del Mondiale 2009, la BMW garantirà comunque impegno costante nella competizione”, ha aggiunto il boss BMW motorport.