Formula 1: Mercedes tutta nuova per la Spagna

Formula 1: la Mercedes GP di Ross Brawn prova a risollevare le proprie sorti progettando una monoposto con una diversa distribuzione dei pesi in vista del Gran Premio di Spagna dove dovrebbe esordire il sistema f-duct

da , il

    Formula 1: Mercedes

    Il Gran Premio di Spagna di Formula 1 si sta avvicinando e l’attesa sale per quello che viene considerato, giustamente, il secondo inizio della stagione 2010. Le quattro gare fuori dall’Europa, infatti, hanno lasciato sospesi diversi giudizi ed hanno impedito ai piloti più quotati ed alle monoposto più in forma di emergere. Su piste classiche e con condizioni meteo più stabili, si potrà avere un’idea più precisa dei valori in campo. Non solo, storicamente parlando, la prima gara nel Vecchio Continente ha sempre visto le squadre portare in pista aggiornamenti consistenti, capaci di far fare notevoli salti di qualità: sarà il caso anche per la Mercedes GP?

    MERCEDES GP. Non è partita bene la stagione per la squadra di Ross Brawn. Da team campione del mondo in carica, quello Mercedes si trova ad essere addirittura al quarto posto dopo Red Bull, Ferrari e McLaren. Per giunta, il pilota più atteso, Michael Schumacher, non riesce a tenere il passo del compagno di squadra Nico Rosberg dando l’impressione di fare da zavorra all’intera scuderia. Per andare incontro alle esigenze del sette volte iridato e per acciuffare i rivali sul frote delle prestazioni. da Stoccarda fanno sapere di avere importantissimi aggiornamenti in vista del prossimo GP di Spagna.

    ROSS BRAWN. “Dobbiamo lavorare per distribuire meglio i pesi, l’errore è qui”, ha dichiarato Ross Brawn. “Quando abbiamo cominciato a testare con questi pneumatici ci siamo accorti di non aver distributio bene i pesi. Non è un problema di gomme, ma di come dover stabilizzare meglio la macchina, perchè siamo sempre al limite”, ha aggiunto il tecnico Mercedes. Per la gara di Barcellona sarà perfezionato anche il sistema F-Duct che, però, non potrà mai funzionare bene come nella McLaren:“Il loro sistema è guidato dal pilota, ma è assai complicato. La McLaren l’ha inserito nello sviluppo iniziale della nuova macchina, accomodarlo su altre vetture non è facile - ha spiegato l’ex ferrarista - Quello che abbiamo utilizzato in Cina era un sistema semplice e passivo, senza nessuna operazione da parte del pilota. Ripeto non è facile”, ha concluso Brawn indicando nel GP di Turchia la data più avanzata nella quale il dispositivo sarà montato sulle Mercedes GP.