Formula 1: Michael Schumacher fa 41!

Michael Schumacher, il pilota più vincente della storia della Formula 1 che tornerà al volante in una gara ufficiale il prossimo 14 marzo nel GP del Bahrain, festeggia i suoi 41 anni

da , il

    Schumacher, solo lui, sempre lui. Stavolta non ne parliamo per celebrare il suo ritorno in Formula 1 o per discutere delle opinioni altrui a tale proposito, ma semplicemente per sottolineare che oggi, 3 gennaio 2010, il pilota più anziano e longevo della massima formula, festeggia il suo quarantunesimo compleanno. Ebbene sì, 41 anni. Spesi bene, tra l’altro. Considerando che anche dopo aver ottenuto tutti i record possibili ed immaginabili in termini di titoli vinti, vittorie nelle singole gare e giri veloci, ha deciso di rimettersi in gioco credendo nel nuovo progetto Mercedes.

    Ed abbandonando, dopo 13 lunghi anni vissuti tra gioie e dolori, i colori della Ferrari.

    A causa di questa improvvisa nonchè inaspettata decisione, molti tifosi ferraristi (tra cui anche il sottoscritto) l’hanno considerata un tradimento, poichè anche dopo la memorabile gara di Interlagos 2006 è rimasto legato alla casa di Maranello nel ruolo di consulente.

    Ma pensandoci bene non è da chiamarlo proprio così, perchè lo scorso agosto era disposto a sostituire Massa fino al termine della stagione, obiettivo poi non conseguito per i noti problemi al collo. E’ stata la volta del Presidente Montezemolo, il quale, vista la precedente indisponibilità del pilota, avrebbe voluto affidargli una terza vettura. Questa idea è stata respinta all’unanimità dai team, quindi il Kaiser, desideroso di riprendere la sua attività agonistica, non avrebbe potuto farlo in rosso, dato che in Ferrari avevano già sotto contratto Fernando Alonso e Felipe Massa.

    A quel punto, la MercedesGP dell’amico Ross Brawn, prestigiosa casa tedesca per antonomasia, è divenuta l’unica opzione possibile per rivederlo in pista. E così è stato raggiunto un accordo triennale, grazie al quale potrà ancora sfrecciare con il suo bolide per tutti i circuiti del mondo.

    Nonostante la mia fede ferrarista, ribadisco la mia ammirazione per Schumacher, e mi auguro che possa arricchire il suo palmarès in modo da non pentirsi della scelta fatta e dimostrando di essere ancora l’uomo da battere.

    Buon compleanno Michael, e in bocca al lupo per la tua nuova avventura!