Formula 1 minacciata dalla GP1, dietro c’è Briatore

Formula 1: arriva la GP1 a minacciare il Circus? Dietro questo nuovo progetto ci sarebbe la firma di Flavio Briatore e l'appoggio di Bernie Ecclestone

da , il

    Formula 1 minacciata dalla GP1, dietro c'è Briatore

    Ogni volta che in Formula 1 si avvicina il momento di trattare la spartizioni degli introiti commerciali o la scrittura di nuove regole sportive, salta fuori un argomento del genere. Alcuni dei team più prestigiosi, minacciano di creare un campionato alternativo, lasciando la FIA con un cerino in mano. Il fine, ovviamente, è quello di accrescere il loro potere contrattuale. Stavolta il nome della nuova categoria che minaccia la Formula 1 si chiama, con poca fantasia ma tanta concretezza, GP1. A differenza del passato, però, qui abbiamo a che fare con Flavio Briatore nel ruolo di guastafeste e Bernie Ecclestone come suo clamoroso partner. Insomma, l’indiscrezione firmata dai tedeschi di Auto Motor und Sport merita qualche minuto di attenzione.

    GP1: Briatore scrive le regole

    Secondo alcuni giornalisti tedeschi, Flavio Briatore sta lavorando in prima persona al progetto GP1. Si tratterebbe di una categoria in grado di fare da concorrenza alla Formula 1 ma senza tutti gli apparati burocratici e le regole stupido-cervellotiche che hanno sempre caratterizzato il Circus e, di fatto, ne hanno limitato le potenzialità. Per quel che concerne gli aspetti finanziari, l’idea è quella di avere una spartizione degli introiti più equa e strumenti certi per il controllo delle spese. Regole più semplici, più chiare e con meno implicazioni da parte dell’aerodinamica, sarebbe la filosofia che guida la parte tecnico/sportiva. Ad appoggiare Briatore, pare ci sia addirittura Ecclestone. E’ questa la vera notizia. Con Bernie, tutto si può. Se poi ci si mette anche la Ferrari ad apprezzare certe proposte, allora…

    GP1: minaccia o realtà?

    Allora va a finire che questa GP1 andrà presa sul serio? Troppo presto per dirlo. Nell’attesa, va ricordato che Flavio Briatore è un grande organizzatore di “affari”. Mettiamola così. Le sue conoscenze tecniche sul mondo dei motori, però, sono pari a zero. Anche le sue idee sullo spettacolo, fanno rabbrividire. Quando era ancora al timone del team Renault proponeva a giorni alterni l’idea di dividere il Gran Premio di Formula 1 in due “mini” Premi, gara 1 e gara 2. Oppure insisteva sull’opportunità di adottare una griglia di partenza “invertita”. Tutte cose che già si vedono in GP2. E che probabilmente caratterizzeranno la sua GP1. Detto ciò, teniamoci stretta la vecchia cara F1 con pregi e difetti, stando ben sicuri che anche stavolta la minaccia di una categoria alternativa non sarà un fine da raggiungere ma solo un mezzo per arrivare alla nuova firma del celebre “Patto della Concordia”.