Formula 1: nasce la McLaren-McLaren?

La McLaren pare sia interessata ad acquistare i motori della BMW per lasciare la collaborazione con Mercedes che, a sua volta, acquisterebbe buona parte delle azioni della Brawn GP

da , il

    Avete presente il binomio McLaren-Mercedes? Presto potrebbe diventare roba da libri di storia. Dopo tanti e tanti successi, il rapporto tra Woking e Stoccarda sembra al capolinea. La Mercedes vuole entrare nella Brawn GP mentre la McLaren sta per acquistare la sezione motori BMW per farsi i propulsori in casa. Come la Ferrari.

    MCLAREN-MERCEDES. Da McLaren-Mercedes a McLaren-McLaren il passo è più breve di quanto la storia non possa insegnare. Ferrari-Ferrari, Renault-Renault, Toyota-Toyota lo hanno fatto da sempre il motore “in casa”. La McLaren mai. dietro alla svolta c’è la volontà della Mercedes di disimpegnarsi da Woking per salire, è proprio il caso di dirlo, sul carro del vincitore Brawn GP. Per non restare con le spalle scoperte, quindi, Ron Dennis in persona, raccontano i soliti beninformati, si è fiondato sulla sezione motori della BMW.

    MCLAREN-MCLAREN. Ron Dennis compra i motori della casa di Monaco (con tanto di tecnici di grandissimo spessore ed esperienza) non per creare una McLaren-BMW ma per appiccicarci sopra le proprie scritte ai V8 e dare vita ad una McLaren motorizzata McLaren. Una novità assoluta. Una svolta epocale. Ma un qualcosa di tranquillamente fattibile dato il congelamento dei propulsori. Lo stesso congelamento che ha consentito a Ross Brawn di farsi spingere dai motori della stella a 3 punte nonostante avesse una macchina costruita per ospitare quelli Honda. Fattibile facilmente, dicevamo, ma per questo molto meno entusiasmante di quanto non possa sembrare. Almeno nel breve periodo. Alla prossima generazione di motori, invece, potremmo vederne delle bellissime.

    BRAWN-MERCEDES. Ultima conseguenza di questa eventuale clamorosa mossa strategica di McLaren e Mercedes ricade sulla Brawn GP. Ad oggi cenerentola miracolata, pronta a ritornare zucca allo sventolarsi della bandiera a scacchi dell’ultimo GP del 2009, grazie all’ingresso della Mercedes può mantenere ambizioni da team vincente sotto tutti i punti di vista: budget, risorse, strutture, know-how… Insomma: l’ingresso della Mercedes nelle azioni della Brawn creano dal 2010 un attore in più sul palcoscenico principale. Un attore protagonista, pronto a sfidare Ferrari, McLaren, Red Bull, Renault, Toyota e chiunque altro indovini un progetto vincente.