Formula 1, Newey: “Io in Ferrari? Trattative interrotte ma il sogno resta…”

se Stefano Domenicali riuscisse a portare Adrian Newey in Ferrari, il giudizio sul suo operato cambierebbe drasticamente

da , il

    Formula 1, Newey: "Io in Ferrari? Trattative interrotte ma il sogno resta..."

    Mettiamola così: se Stefano Domenicali riuscisse a portare Adrian Newey in Ferrari, il giudizio sul suo operato cambierebbe drasticamente. Nessuno potrebbe più muovere una critica al team principal del Cavallino Rampante. O no? Il punto è che la scuderia italiana sta tentando da anni di convincere il Genio a trasferirsi in quel di Maranello. E’ lo stesso uomo Red Bull ad ammetterlo in una recente intervista a Sky:“Alcuni anni fa ho avuto delle trattative che sono andate avanti per un po’ - ha dichiarato rispolverando una storia ormai nota – ma i miei bambini erano piccoli e dovevano frequentare delle scuole inglesi. Non è stato facile prendere la decisione di rinunciare”. La parte più interessante delle sue dichiarazioni, arriva dopo:“Penso che la Ferrari non sia solo un sogno per ogni pilota ma anche per un ingegnere. Sfortunatamente il mio non è diventato realtà. Credo che dopo la Red Bull non avrò altri team anche se l’idea di ricominciare una nuova avventura non la vedo così tragica”, ha concluso sibillinamente.

    E Ross Brawn? Ora c’è la Williams

    Un altro nome che in passato faceva smuovere ancora le passioni dei ferraristi era quello di Ross Brawn. In molti lo invocavano come sostituto di Stefano Domenicali. Le ultime, pessime, stagioni in Mercedes hanno tolto molto fascino all’idea di un ritorno in Rosso del mangiatore di banane. In verità, il suo futuro è ancora appeso ad un filo ed è diviso tra tre possibili scenari: restare a Brackley con un ruolo ridimensionato, passare alla McLaren in previsione del ritorno della Honda che stravede ancora per lui dopo l’esperienza della Brawn GP o rimettere tutto in discussione accollandosi la rinascita di uno storico team come la Williams. Frank Williams, a Sky Sports, parla così:“Se venisse, sarebbe un ottimo acquisto ma non so se possiamo permettercelo economicamente parlando. E forse lui non è neppure interessato…”

    Lotus: ritorno di fiamma per Hulkenberg

    Chiudiamo questa rassegna sul futuro possibile e impossibile riparlando di mercato piloti. Nico Hulkenberg è, Massa escluso, il pezzo più pregiato a piede libero. La Lotus è, parimenti, la macchina più appetibile con un sedile ancora da occupare. Il matrimonio sembrava già fatto salvo poi conoscere un brusco stop per i soliti problemi economici che affliggono il team di Enstone. Ora pare sia arrivata la svolta: i nuovi investitori della Quantum vogliono il pilota tedesco tra le loro fila per la stagione 2014 di Formula 1. Mansoor Ijaz, capo del Gruppo, ha affermato ad Autosport:“Vogliamo rendere pubblica la nostra preferenza per Nico. Firma e annuncio arriveranno a breve. E’ il pilota del futuro. Merita un gran team ed una grande macchina!”. L’intervento della Quantum è stato anche decisivo per tranquillizzare, economicamente parlando, Kimi Raikkonen ed assicurarsi le sue prestazioni per le ultime due gare del 2013.